Baldacchino Nuovo Mondo, Scandola Mobili

Baldacchino Nuovo Mondo, Scandola Mobili

Scandola Mobili è l’ideale per arredare la cameretta dei bambini e dei ragazzi.  L’ecodesign dell’azienda, oltre a guardare alla salute dell’utente finale, ha un occhio attento anche verso la Terra. Si utilizza infatti legno proveniente da zone a rimboschimento controllato e il processo produttivo è completamente ecosostenibile. Dagli scarti viene infatti generato il riscaldamento dello stabilimento e degli uffici. Sul tetto poi sono posti pannelli fotovoltaici che producono gran parte dell’energia necessaria per il processo produttivo.

Un arredamento naturale che nasce dalla terra e che porta la natura all’interno delle case accanto ai più piccoli che possono crescere così in ambienti sicuri e più sani. L’azienda propone numerose soluzioni a catalogo di camerette per bambini e ragazze come all’interno della collezione Nuovo Mondo. Tante proposte di qualità e stile pensate per soddisfare ogni gusto ed esigenza.

Qui un letto da una piazza e mezza con baldacchino in color mirtillo, accompagnato da mobili perla e cipria. Questa cameretta arredata in stile romantico e classico è pensata per un pubblico più femminile. 

In vendita a 972 euro (Iva esclusa).

Gennaio 2018

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

L’amore per la mamma è “automatico”?

01/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'amore che un piccolissimo prova per la madre è legato al fatto che è la madre a prendersi principalmente cura di lui.  »

Sull’intervallo tra due vaccini vivi attenuati

22/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

La somministrazione di due vaccini vivi attenuati a una distanza inferiore alle 4 settimane può compromettere l'efficacia del secondo vaccino.  »

Iperattivita e prodotti omeopatici

16/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'iperattività (se di iperattività si tratta davvero) è segno di una malattia seria, non si può pensare di affrontarla con il fai-da-te.   »

Fai la tua domanda agli specialisti