Coperte Mikro, Tatanatura

Coperte Mikro, Tatanatura

Queste coperte fanno parte della linea “Ecomikro”, un marchio creato con gli occhi di un bambino, che identifica un mondo colorato, divertente e gentile, in primis con il pianeta e l’ambiente.

I prodotti Ecomikro sono realizzati con materiali certificati e per la prima collezione di copertine, la certificazione è GOTS.

Mikro è un tenero topolino che girovagando per il mondo vuole raccontare le sue avventure attraverso le proprie coperte … prendendo ispirazione dalla natura e tutto ciò che lo circonda. Coccole, tenerezza, colore e divertimento… tutto questo in una coperta! Le varianti sono diverse, tutte in cotone organico certificato GOTS nella misura 80×100 cm.

COPERTA Mikro

Coperta Mikro

Mikro è un piccolo topolino curioso che ogni giorno girovagando esplora l’ambiente che lo circonda facendoci scoprire le bellezze della natura. Qui c’è Mikro così i bambini ne fanno conoscenza.

COPERTA Il Fungo (foto in alto)

Gira e rigira, ecco che al suo rientro Mirko trova un ambiente cambiato. È arrivato l’autunno e quando rientra nella sua tana vede che sono noti dei piccoli funghi rossi e che il suo ambiente non è più lo stesso, sono cambiati i colori, gli odori e non solo …

In vendita su tatanatura.com

Ottobre 2021

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimbo di sette mesi con un “buchetto” sopra il sederino: è preoccupante?

16/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

La presenza di una fossetta sacro-coccigea a fondo cieco, se non è associata ad altri segnali che possano far pensare a un problema della colonna vertebrale, non è significativa.   »

Epatiti dei bambini: c’entra il vaccino contro il CoVid-19?

28/04/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Matteo Bassetti

Non ci sono elementi che suggeriscano una relazione tra il vaccino contro il coronavirus Sars-CoV-2 e l'epatite acuta dell'età pediatrica.  »

Preoccupata per l’assenza di sintomi “di gravidanza”

19/04/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Non è così automatico che la gravidanza, una volta iniziata, determini la comparsa di sintomi specifici, quindi l'assenza dei disturbi "tradizionali" (nausea, tensione al seno e così via) non deve essere interpretata come un segnale per forza negativo.  »

Fai la tua domanda agli specialisti