Balsamo intensivo Xerolact Atopic, Rilastil

Balsamo intensivo Xerolact Atopic, Rilastil

Fa parte della nuova linea Xerolact Atopic, linea dermatologica specialistica di viso e corpo a base di Omega 3, 6, 7 e 9, studiata appositamente per idratare, nutrire, lenire e rendere più elastica la cute delle pelli secche, molto secche, sensibili, facilmente irritabili e a tendenza atopica di neonati, bambini e adulti. 

È un’emulsione ricca, a rapido assorbimento ed alta concentrazione di attivi. È indicata nelle fasi acute in cui la pelle a tendenza atopica necessita di maggiori cure. Per la presenza di Omega 6, 7 e 9 favorisce il ripristino della funzione barriera cutanea grazie al ricco pool di oli vegetali idrata e nutre in profondità la pelle contrastando secchezza e desquamazione, mentre Omega 3, dipotassio glicirrizinato, pantenolo, allantoina e vitamina E leniscono l’irritazione cutanea e il prurito. Contiene Alfa glucano olisaccaride: ottenuto da zuccheri naturali (saccarosio e maltosio), contribuisce a prevenire le infezioni microbiche, stimolando la crescita della normale flora residente della pelle e contrastando lo sviluppo di patogeni. Può essere applicata su viso e corpo 2 o più volte al giorno. In farmacia, disponibile nei formati da 200 e 400 ml a 20 euro e 29 euro.

 

Marzo 2017

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tutti figli maschi: casualità o genetica?

24/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Paolo Gasparini

Ogni fecondazione costituisce una storia a sé e ogni volta si hanno le stesse probabilità di concepire un maschio o una bambina. È, dunque, sempre il caso a "tirare i dadi".  »

Concepimento: dopo due mesi non si è ancora verificato, c’è da preoccuparsi?

16/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Non fa bene alla fertilità di coppia farsi prendere dall'ansia del risultato immediatamente dopo aver deciso di avere un figlio. Non è, infatti, automatico che la gravidanza inizi quando viene decisa, ma questo non è affatto preoccupante.  »

Distacco amniocoriale che non si riassorbe con il passare delle settimane

14/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In presenza di un distacco amniocoriale che non si risolve non serve intensificare i controlli, mentre sono utili il riposo e un'alimentazione che favorisca l'attività dell'intestino, perché la stipsi può favorire la comparsa prematura di contrazioni uterine.   »

Fai la tua domanda agli specialisti