Balsamo intensivo Xerolact Atopic, Rilastil

Balsamo intensivo Xerolact Atopic, Rilastil

Fa parte della nuova linea Xerolact Atopic, linea dermatologica specialistica di viso e corpo a base di Omega 3, 6, 7 e 9, studiata appositamente per idratare, nutrire, lenire e rendere più elastica la cute delle pelli secche, molto secche, sensibili, facilmente irritabili e a tendenza atopica di neonati, bambini e adulti. 

È un’emulsione ricca, a rapido assorbimento ed alta concentrazione di attivi. È indicata nelle fasi acute in cui la pelle a tendenza atopica necessita di maggiori cure. Per la presenza di Omega 6, 7 e 9 favorisce il ripristino della funzione barriera cutanea grazie al ricco pool di oli vegetali idrata e nutre in profondità la pelle contrastando secchezza e desquamazione, mentre Omega 3, dipotassio glicirrizinato, pantenolo, allantoina e vitamina E leniscono l’irritazione cutanea e il prurito. Contiene Alfa glucano olisaccaride: ottenuto da zuccheri naturali (saccarosio e maltosio), contribuisce a prevenire le infezioni microbiche, stimolando la crescita della normale flora residente della pelle e contrastando lo sviluppo di patogeni. Può essere applicata su viso e corpo 2 o più volte al giorno. In farmacia, disponibile nei formati da 200 e 400 ml a 20 euro e 29 euro.

 

Marzo 2017

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Neo sospetto: meglio toglierlo subito o basta tenerlo sotto controllo?

23/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Un neo dall'aspetto poco rassicurante va asportato allo scopo di comprenderne, attraverso l'esame istologico, la natura. Non è però necessario procedere tempestivamente, ma è possibile attendere fino a sei mesi (non di più!) per farne ricontrollare l'evoluzione.   »

Bimbo che rifiuta pranzi e cene (ma come dargli torto?)

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Se a un bambino vengono sistematicamente proposti primi e pietanze poco allettanti, costituiti da un insieme di alimenti che, mescolati insieme, perdono sapore si deve mettere in preventivo che a un certo punto si rifiuti di inghiottirli.   »

Piccolissimo che piange perché vuole stare in braccio

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Non stupisce affatto che un bimbo di neppure due mesi smetta di piangere solo quando viene preso in braccio dalla madre. Spetta a quest'ultima trasmettergli l'affettuoso, rassicurante messaggio di esserci per lui sempre e comunque, anche quando è nella culla.   »

Fai la tua domanda agli specialisti