Bariéderm Cica-Crème, Uriage

Bariéderm Cica-Crème, Uriage

È una crema riparatrice anti-irritazione nata per dare sollievo, isolare e riparare la pelle danneggiata durante tutte le fasi della guarigione. Va benissimo per curare l’eritema da pannolino ma non solo. Prodotto dedicato al trattamento quotidiano di problemi localizzati, agisce efficacemente nella cura di dermatiti, escoriazioni, screpolature, sensazioni di bruciore e post-trattamenti estetici. Il suo effetto riparatorio agevola simultaneamente la ristrutturazione dell’epidermide, consentendo la guarigione di lesioni piccole e grandi e riducendo le irritazioni, per un rapido sollievo dal dolore. Ricca di Acqua Termale di Uriage, pura e 100% naturale, con una composizione minerale unica.

Ha vari effetti:

  • Isola e protegge: il Brevetto Poly-2P crea un effetto cerotto immediato che isola e protegge.  La Smectite assorbe e neutralizza la proliferazione batterica mentre l’associazione del Cu-Zn e dell’Acqua Termale d’Uriage procurano un effetto risanante e anti-irritazioni;
  • Ripara: il Complesso brevettato GF-Repair stimola i fattori di crescita per favorire la riparazione dell’epidermide;
  • Anti-irritazioni: lenisce intensamente le sensazioni di malessere cutaneo grazie al D-Pantenolo.

In vendita in farmacia  a 40 ml a 10 euro o 100 ml a 15,90 euro. 

Febbraio 2017

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Gravidanza: quando conviene annunciarla a parenti e amici?

26/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Non c'è una regola che stabilisce quando è opportuno comunicare a tutti che si è in attesa di un bambino. Il momento in cui farlo dipende da una scelta personalissima che ogni coppia deve fare in base al proprio sentire.  »

Neo sospetto: meglio toglierlo subito o basta tenerlo sotto controllo?

23/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Un neo dall'aspetto poco rassicurante va asportato allo scopo di comprenderne, attraverso l'esame istologico, la natura. Non è però necessario procedere tempestivamente, ma è possibile attendere fino a sei mesi (non di più!) per farne ricontrollare l'evoluzione.   »

Bimbo che rifiuta pranzi e cene (ma come dargli torto?)

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Se a un bambino vengono sistematicamente proposti primi e pietanze poco allettanti, costituiti da un insieme di alimenti che, mescolati insieme, perdono sapore si deve mettere in preventivo che a un certo punto si rifiuti di inghiottirli.   »

Fai la tua domanda agli specialisti