Bioscalin Fiale Anticaduta Physiogenina, Giuliani

Bioscalin Fiale Anticaduta Physiogenina, Giuliani

Cuore di queste innovative fiale è l’esclusivo complesso Physiogenina, frutto delle più recenti scoperte in ambito tricologico. Si tratta di una combinazione di selezionati ed esclusivi attivi in grado di preservare e prolungare la vita dei capelli. 

Studi in vitro hanno dimostrato infatti che la Physiogenina stimola il fisiologico processo di autoriparazione cellulare a livello del follicolo. Questa azione ha un importante effetto nel sostenere la corretta funzionalità del follicolo pilifero e la fase di crescita del capello. La sua formula contiene un attivo che svolge una specifica azione a livello del cuoio capelluto, l’ambiente in cui vive il capello e dal quale riceve i nutrienti. La presenza della Galeopsis, attivo naturale e brevettato della Giuliani, grazie infatti alle sue proprietà antiossidanti è in grado di favorire il benessere del cuoio capelluto.

Con l’esclusiva tecnologia di rilascio graduale e prolungato Triactive3® che consente di avere un’efficacia prolungata di 3 giorni.

In farmacia, 10 fiale da 3,5 ml, 57 euro.

Novembre 2019

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Sertralina in gravidanza contro ansia e attacchi di panico: ci sono rischi?

17/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Durante la gravidanza, se necessario si possono assumere psicofarmaci della categoria degli SSRI (inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina) senza esporre il bambino a rischi. Ben peggio sarebbe non impiegarli quando ve ne è bisogno.   »

Bimbo di sette mesi con un “buchetto” sopra il sederino: è preoccupante?

16/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

La presenza di una fossetta sacro-coccigea a fondo cieco, se non è associata ad altri segnali che possano far pensare a un problema della colonna vertebrale, non è significativa.   »

Preoccupata per l’assenza di sintomi “di gravidanza”

19/04/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Non è così automatico che la gravidanza, una volta iniziata, determini la comparsa di sintomi specifici, quindi l'assenza dei disturbi "tradizionali" (nausea, tensione al seno e così via) non deve essere interpretata come un segnale per forza negativo.  »

Fai la tua domanda agli specialisti