Crema Emolliente, Linea Bimbi Helan

Crema Emolliente, Linea Bimbi Helan

Fresca e vellutata, questa fluida emulsione associa all’elevato potere nutriente degli olii di Mandorle dolci e Vinaccioli, del burro di Karitè e della cera d’Api, ricchi di acidi grassi essenziali, l’attività rigenerante delle Vitamine A ed E, la delicatezza dell’azione addolcente, emolliente e calmante del succo di Aloe vera e dell’estratto di fiori di Camomilla. La formulazione rafforza le difese cutanee del bebé e fa di questo prodotto il cosmetico ideale per la prima infanzia. Ottimo anche per le pelli più delicate e sensibili.

Modo d’uso: stendere sul visino dopo la pulizia e ogni volta che il piccolo venga esposto agli agenti atmosferici (sole, vento, freddo) e su tutto il corpo, con un leggero massaggio, dopo il bagnetto per tante affettuose coccole…e per una gratificante sensazione di benessere. Piacevole e di facile applicazione, si assorbe rapidamente senza lasciare untuosità. Per la sua delicatezza può essere utilizzata ogni volta che se ne renda necessario l’uso. a pH ortodermico.

In erboristeria, 100 ml, 12 euro.

Gennaio 2018

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Sertralina in gravidanza contro ansia e attacchi di panico: ci sono rischi?

17/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Durante la gravidanza, se necessario si possono assumere psicofarmaci della categoria degli SSRI (inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina) senza esporre il bambino a rischi. Ben peggio sarebbe non impiegarli quando ve ne è bisogno.   »

Bimbo di sette mesi con un “buchetto” sopra il sederino: è preoccupante?

16/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

La presenza di una fossetta sacro-coccigea a fondo cieco, se non è associata ad altri segnali che possano far pensare a un problema della colonna vertebrale, non è significativa.   »

Preoccupata per l’assenza di sintomi “di gravidanza”

19/04/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Non è così automatico che la gravidanza, una volta iniziata, determini la comparsa di sintomi specifici, quindi l'assenza dei disturbi "tradizionali" (nausea, tensione al seno e così via) non deve essere interpretata come un segnale per forza negativo.  »

Fai la tua domanda agli specialisti