Gelcrema Hydrafusion, Rilastil

Gelcrema Hydrafusion, Rilastil

È dedicato agli inestetismi della cellulite e ha una texture, dal colore leggermente rosato e delicatamente profumata al pepe rosa, che permette un assorbimento immediato. Il prodotto idrata profondamente il tessuto cutaneo, aiutando al contempo a combattere la ritenzione idrica. La sua formula contiene estratti vegetali come la prunella vulgaris e la celosia cristata che, nel tempo, aiutano a contrastare la formazione di cellule adipose e favoriscono lo smaltimento degli accumuli di grasso e Dna Sodico, che stimola la rigenerazione cellulare, donando elasticità e idratazione alla pelle. Rilastil Hydrafusion può essere utilizzato nelle donne in gravidanza e in allattamento e non interferisce con il metabolismo tiroideo, poichè le formulazioni non contengono caffeina, bioflavonoidi e iodio libero, principi attivi spesso utilizzati nei dermocosmetici a effetto snellente e controindicati per l’uso in gravidanza e in allattamento. Inoltre, per garantire performance ottimali di tollerabilità, le referenze sono clinicamente, dermatologicamente e microbiologicamente testate e sono controllate su ogni lotto di produzione per la verifica dei livelli di Nickel, Cobalto, Cromo, Palladio e Mercurio.

In farmacia, nel flacone con pompa da 400 ml, a 35 euro.

Novembre 2017

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Reazioni cutanee dopo una puntura di insetto

19/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

A volte a scatenare reazioni sulla pelle può essere anche l'applicazione dell'antistaminico in crema.  »

Gravidanza e scomparsa improvvisa dei sintomi

19/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Non è automatico che la scomparsa dei sintomi tipici della gravidanza sia brutto segno.   »

Paura di aver contratto la toxoplasmosi

28/06/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Per sapere se malauguratamente si è state contagiate dal Toxoplasma gondii si può fare il toxo test, a partire da 20 giorni dopo l'ingestione dell'alimento che si teme fosse contaminato.   »

Fai la tua domanda agli specialisti