Latte solare viso-corpo SPF 50+ EcoBioSun, Omia

Latte solare viso-corpo SPF 50+ EcoBioSun, Omia

La linea EcoBio Sun Bambini si compone di latte solare viso-corpo ad altissima protezione (SPF 50+) per la pelle delicata e sensibile dei bambini sopra i 6 mesi (in foto) e ad alta protezione (SPF 30) per la pelle dei bambini sopra i tre anni. I prodotti contengono uno schermo fisico UVA/UVB che riflette i raggi solari, protegge adeguatamente le pelli delicate e sensibili dei bambini sopra i sei mesi, riducendo il rischio di allergie da filtro solare. Sono arricchiti da una miscela pregiata di oli naturali e biologici tra i quali: l’olio di Mandorle dolci BIO, idratante e protettivo e l’olio di Sesamo, antiossidante e fotoprotettivo.

Con schermi minerali, che non surriscaldano la pelle, respingono l’energia solare in quanto riflettono il sole. 

Approvati dai dermatologi e cosmetologi AIDECO e certificati ICEA Eco Bio Cosmesi, i solari OMIA, con protezione minerale per viso e corpo, sono studiati per soddisfare le esigenze di protezione di ogni tipo di pelle, dalle più chiare e sensibili, alle più scure e resistenti.

200 ml, 17,90 euro.

Giugno 2018

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Sono incinta e non sono immune alla rosolia: è pericoloso fare il vaccino a mio figlio?

28/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dott.ssa Elena Bozzola

Nessuno studio ha mai evidenziato che un bimbo subito dopo essere stato vaccinato contro la rosolia possa trasmetterla. Di conseguenza, anche in gravidanza non si rischia nulla se si hanno contatti con un bambino appena vaccinato.  »

Continue infezioni delle vie urinarie: che fare?

27/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui si vada incontro a numerose infezioni delle vie urinarie diventa necessario rivolgersi a uno specialista in urologia o uro-ginecologia per farsi indicare il percorso terapeutico più efficace e, quindi, risolutivo.   »

Tutti figli maschi: casualità o genetica?

24/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Paolo Gasparini

Ogni fecondazione costituisce una storia a sé e ogni volta si hanno le stesse probabilità di concepire un maschio o una bambina. È, dunque, sempre il caso a "tirare i dadi".  »

Fai la tua domanda agli specialisti