Maschera per capelli in tessuto, Biopoint

Maschera per capelli in tessuto, Biopoint

Biopoint prende ispirazione dalla tendenza delle maschere viso in tessuto creando un prodotto dedicato alla cura del capello, che sia in grado di racchiudere il trattamento professionale del salone in un unico e pratico gesto da effettuare a casa con estrema semplicità, per integrare il benessere del capello nella cura quotidiana di sé.

Questa maschera  si indossa facilmente in casa ed in solo 15 minuti migliora la bellezza dei capelli. L’elemento innovativo risiede nella Tecnologia Termo – Vapore di cui si avvale. Pratica e comoda da applicare perché già imbibita del trattamento. Quando si indossa, infatti, grazie all’ effetto calore che si crea al suo interno, è in grado di chiudere le cuticole del capello, riparandolo in profondità e permettendo ai principi attivi di penetrare in maniera ancor più efficace potenziandone l’azione.

Durante il trattamento ci si può dedicare ad altro perché non cola, né macchia e, al termine della posa, i capelli risultano subito nutriti, fluidi, morbidi e lucenti, proprio come dopo un trattamento professionale in salone.

Disponibile in tre varianti differenti: trattamento protezione colore, trattamento riparazione e trattamento lucentezza.

In vendita in busta da 35 ml a 7,50 euro.

Maggio 2018

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimbo di sette mesi con un “buchetto” sopra il sederino: è preoccupante?

16/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

La presenza di una fossetta sacro-coccigea a fondo cieco, se non è associata ad altri segnali che possano far pensare a un problema della colonna vertebrale, non è significativa.   »

Epatiti dei bambini: c’entra il vaccino contro il CoVid-19?

28/04/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Matteo Bassetti

Non ci sono elementi che suggeriscano una relazione tra il vaccino contro il coronavirus Sars-CoV-2 e l'epatite acuta dell'età pediatrica.  »

Preoccupata per l’assenza di sintomi “di gravidanza”

19/04/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Non è così automatico che la gravidanza, una volta iniziata, determini la comparsa di sintomi specifici, quindi l'assenza dei disturbi "tradizionali" (nausea, tensione al seno e così via) non deve essere interpretata come un segnale per forza negativo.  »

Fai la tua domanda agli specialisti