Cyber Talk Robot, Clementoni

Cyber Talk Robot, Clementoni

Un kit scientifico per costruire un robot con ben 7 modalità di gioco tutte diverse. Scaricando l’app gratuita, sarà possibile programmare il robot con la programmazione a blocchi, inserendo condizioni, azioni, cicli e procedure. Il programmatore cartaceo aiuta a creare tante seguenze di comandi con le carte con QR codes, che possono essere lette dall’app grazie alla realtà aumentata. Il bambino potrà poi registrare messaggi vocali, modificarli applicando tanti effetti e filtri sonori e poi inviarli al robot per farli riprodurre direttamente da lui. Inoltre, grazie al microfono, il robot potrà essere usato come un walkie-talkie, parlando con i propri amici a distanza.

Si ispira alla metodologia STEM, che nasce con l’obiettivo di stimolare competenze nell’ambito della scienza, della tecnologia, dell’ingegneria e della matematica.

In vendita a 39,90 euro.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tosse dei bambini: l’antibiotico serve o no?

14/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

La tosse secca, anche se più disturbante, non deve preoccupare e non richiede inevitabilmente l'antibiotico, che invece va somministrato quando la tosse è “grassa”, con tanto catarro, e si protrae per oltre quattro settimane senza alcun accenno di miglioramento.  »

Strapazzo forte nelle prime settimane di gravidanza: ci sono pericoli?

14/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

L'utero è morbisissimo al suo interno, rivestito da tessuto muscolare elastico all'esterno, e il liquido di cui è piena la camera gestazionale fa da ulteriore ammortizzatore in caso di urti intensi, quindi non è facile (per fortuna!) causare traumi al feto. La natura fa le cose per bene.   »

Bimba di sei anni che tiranneggia mamma e fratello: che fare?

08/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Una bambina costantemente ribelle, che fa continui capricci e assume atteggiamenti provocatori probabilmente ha solo bisogno dei famosi paletti, che segnano il limite da non superare e, per quanto strano possa apparire, fanno sentire i figli amati, protetti, accuditi.   »

Fai la tua domanda agli specialisti