Grande maneggio, Playmobil

Grande maneggio, Playmobil

Dall’addestramento alla strigliatura, dal nutrimento ai giochi: con il Grande Maneggio i bambini possono prendersi cura dei propri cavalli e prepararli per la gara di equitazione. Tutto deve essere perfetto per questo evento: ostacoli, redini, selle e le altre attrezzature devono essere al loro posto, e gli abbeveratoi e le mangiatoie pieni di acqua e di paglia fresca. In questa speciale occasione, anche altri cavalli possono raggiungere il Grande Maneggio. Nell’area di cura dei cavalli, i sensibili amici a quattro zampe possono essere puliti con acqua e spugna, e successivamente asciugati con un panno. Giunti all’arena equestre, gli ospiti potranno ammirare i quattro ostacoli, tra cui una vasca d’acqua. Le scintillanti coccarde in esposizione vengono consegnate ai migliori fantini e alla fine del torneo il vincitore riceve un trofeo d’oro! In attesa dell’evento, la folla viene intrattenuta dagli acrobati a cavallo e dalle loro evoluzioni. Grazie alle sue molteplici combinazioni, il Grande Maneggio PLAYMOBIL promette sempre nuove avventure!

In vendita a 84,99 euro.

Dicembre 2017

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimba che tira i capelli alla mamma: che fare?

09/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Afferrare i capelli della mamma anche in maniera così decisa da provocare un forte fastidio non è espressione della volontà diel bambino di "farle del male" quanto piuttosto di un desiderio di appropriarsi totalmente di lei.   »

Epatiti dei bambini: c’entra il vaccino contro il CoVid-19?

28/04/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Matteo Bassetti

Non ci sono elementi che suggeriscano una relazione tra il vaccino contro il coronavirus Sars-CoV-2 e l'epatite acuta dell'età pediatrica.  »

Preoccupata per l’assenza di sintomi “di gravidanza”

19/04/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Non è così automatico che la gravidanza, una volta iniziata, determini la comparsa di sintomi specifici, quindi l'assenza dei disturbi "tradizionali" (nausea, tensione al seno e così via) non deve essere interpretata come un segnale per forza negativo.  »

Fai la tua domanda agli specialisti