Il raccontastorie per bambini, Faba

Il raccontastorie per bambini, Faba

Faba è un riproduttore audio che permette ai bambini di ascoltare le proprie storie preferite in totale autonomia. Gli obiettivi principali di questo nuovo prodotto sono stimolare l’immaginazione dei bambini, aiutarli a comprendere l’arte dell’ascolto e supportarli nella creazione di momenti creativi utilizzando da soli uno strumento che potrà diventare per loro un oggetto insostituibile. Sicuro, creativo e affidabile, è composto da una cassa audio chiamata appunto FABA e
da statuine 3D soprannominate Personaggi Sonori che rappresentano ognuna il protagonista delle storie noto ai bambini, tutte da collezionare e disegnate da Jacopo Rosati, illustratore dell’azienda.

I materiali scelti per la realizzazione garantiscono un prodotto solido, facile da pulire, maneggevole e soprattutto sicuro. Ogni Personaggio Sonoro ha un audio della durata di circa 20-40 minuti. Attualmente sono disponibili diversi contenuti tra i quali fiabe, filastrocche e canzoni, in collaborazione con molti editori licenziatari. L’audio è di ottima qualità, il volume è regolabile autonomamente da parte del bambino poiché è limitato a 85dB e può essere utilizzato anche con le cuffie. La batteria è ricaricabile e consente fino a 8 ore di autonomia, perfetto anche come gioco per i lunghi viaggi in macchina.

Lo starter set (composto dalla cassa e una statuina in regalo) costa 59,90 euro ma si possono comprare anche vari personaggi sonori. In vendita anche su myfaba.com 

Dicembre 2019

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Comportamenti (in)soliti durante il sonno: perché?

10/05/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Annalisa Pistuddi

Durante il sonno possono verificarsi episodi di regressione che nascono dalla necessità di scaricare tensioni emotive accumulate nelle ore di veglia. E' poco opportuno invadere questo spazio intimo cercando di indurre bruscamente il risveglio.  »

Esami oculistici a inizio gravidanza: ci sono rischi?

10/05/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Antonio Clavenna

Valutare l'opportunità di effettuare determinate indagini oculistiche nelle prime settimane di gravidanza spetta allo specialista a cui ci si affida.   »

Embrione che non si vede alla quinta settimana

16/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Anna Maria Marconi

Fare un'ecografia troppo presto (prima della settima settimana) non serve a nulla e, in più, è causa di grandi spaventi che ci si potrebbe risparmiare se solo si avesse un po' di pazienza.  »

Fai la tua domanda agli specialisti