Blefarette, Farmigea

Blefarette, Farmigea

Sono salviette monouso per la detersione esterna degli occhi. Sono la soluzione ideale e a portata di mano contro i fastidiosi disturbi a carico della zona perioculare. Svolgono un’azione umettante e detergente di palpebre e ciglia, senza ungere e senza bisogno di risciacquo, eliminando quindi anche il rischio di residui schiumosi potenzialmente irritanti.

Sono utili in caso di:

  • congiuntiviti e blefariti
  • pulizia del canale lacrimale e secrezioni
  • rimozione delicata del make up  

Le sostanze emollienti e detergenti naturali di cui sono imbevute, quali il gel di Alga Ahnfeltia Concinna, generano una sensazione di piacevole sollievo e freschezza, aiutando a ripristinare la salute degli occhi. Sono realizzate:

  • senza alcool
  • senza siliconi e parabeni
  • senza risciacquo

Possono essere usate a caldo, lasciando le bustine sigillate in acqua calda a 40 gradi per 3-5 minuti o a freddo, conservando le bustine in frigorifero.

In vendita in farmacia o parafarmacia a 15 euro la confezione da 30.

È un Dispositivo Medico CE Leggere attentamente le avvertenze o le istruzioni per l’uso. Autorizzazione su domanda del 21/12/2017.

Febbraio 2018

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Feto un po’ più grande rispetto all’atteso

12/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Gaetano Perrini

La gravidanza può essere ridatata grazie a quanto rilevato con la prima ecografia.   »

Bimbo che vuole mangiare solo pochi alimenti

27/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Occorre stare molto attenti a non trasformare l'ora dei pasti in un momento in cui il bambino tiene in pugno tutta la famiglia e il modo migliore per evitarlo, favorendo un rapporto sereno con il cibo, è mostrare indifferenza se rifiuta una cibo e zero esultanza se, invece, lo mangia.   »

Smettere di allattare e sensi di colpa

27/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Le mamme sono specializzate in sensi di colpa, ma forse riuscirebbero a nutrirne di meno se solo acquisissero la consapevolezza che la tristezza e l'ansia che ne derivano non fanno bene alla serenità del bambino.   »

Fai la tua domanda agli specialisti