Blefarette, Farmigea

Blefarette, Farmigea

Sono salviette monouso per la detersione esterna degli occhi. Sono la soluzione ideale e a portata di mano contro i fastidiosi disturbi a carico della zona perioculare. Svolgono un’azione umettante e detergente di palpebre e ciglia, senza ungere e senza bisogno di risciacquo, eliminando quindi anche il rischio di residui schiumosi potenzialmente irritanti.

Sono utili in caso di:

  • congiuntiviti e blefariti
  • pulizia del canale lacrimale e secrezioni
  • rimozione delicata del make up  

Le sostanze emollienti e detergenti naturali di cui sono imbevute, quali il gel di Alga Ahnfeltia Concinna, generano una sensazione di piacevole sollievo e freschezza, aiutando a ripristinare la salute degli occhi. Sono realizzate:

  • senza alcool
  • senza siliconi e parabeni
  • senza risciacquo

Possono essere usate a caldo, lasciando le bustine sigillate in acqua calda a 40 gradi per 3-5 minuti o a freddo, conservando le bustine in frigorifero.

In vendita in farmacia o parafarmacia a 15 euro la confezione da 30.

È un Dispositivo Medico CE Leggere attentamente le avvertenze o le istruzioni per l’uso. Autorizzazione su domanda del 21/12/2017.

Febbraio 2018

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Voglio un figlio (a 44 anni) ma ho paura che non sia sano: che fare?

27/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La scelta di avere un figlio in età avanzata è personalissima: nessuno specialista può dare consigli al riguardo, solo indicare i rischi a cui si potrebbe andare incontro, in modo da permettere di decidere con consapevolezza.  »

Quarto cesareo a 30 anni: sono proprio tanti i rischi?

26/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Un quarto cesareo espone la donna a vari rischi che è bene valutare attentamente anche con l'aiuto del ginecologo curante.  »

Paura di aver contratto la toxoplasmosi

28/06/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Per sapere se malauguratamente si è state contagiate dal Toxoplasma gondii si può fare il toxo test, a partire da 20 giorni dopo l'ingestione dell'alimento che si teme fosse contaminato.   »

Fai la tua domanda agli specialisti