Blefarette, Farmigea

Blefarette, Farmigea

Sono salviette monouso per la detersione esterna degli occhi. Sono la soluzione ideale e a portata di mano contro i fastidiosi disturbi a carico della zona perioculare. Svolgono un’azione umettante e detergente di palpebre e ciglia, senza ungere e senza bisogno di risciacquo, eliminando quindi anche il rischio di residui schiumosi potenzialmente irritanti.

Sono utili in caso di:

  • congiuntiviti e blefariti
  • pulizia del canale lacrimale e secrezioni
  • rimozione delicata del make up  

Le sostanze emollienti e detergenti naturali di cui sono imbevute, quali il gel di Alga Ahnfeltia Concinna, generano una sensazione di piacevole sollievo e freschezza, aiutando a ripristinare la salute degli occhi. Sono realizzate:

  • senza alcool
  • senza siliconi e parabeni
  • senza risciacquo

Possono essere usate a caldo, lasciando le bustine sigillate in acqua calda a 40 gradi per 3-5 minuti o a freddo, conservando le bustine in frigorifero.

In vendita in farmacia o parafarmacia a 15 euro la confezione da 30.

È un Dispositivo Medico CE Leggere attentamente le avvertenze o le istruzioni per l’uso. Autorizzazione su domanda del 21/12/2017.

Febbraio 2018

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimba che tira i capelli alla mamma: che fare?

09/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Afferrare i capelli della mamma anche in maniera così decisa da provocare un forte fastidio non è espressione della volontà diel bambino di "farle del male" quanto piuttosto di un desiderio di appropriarsi totalmente di lei.   »

Epatiti dei bambini: c’entra il vaccino contro il CoVid-19?

28/04/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Matteo Bassetti

Non ci sono elementi che suggeriscano una relazione tra il vaccino contro il coronavirus Sars-CoV-2 e l'epatite acuta dell'età pediatrica.  »

Preoccupata per l’assenza di sintomi “di gravidanza”

19/04/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Non è così automatico che la gravidanza, una volta iniziata, determini la comparsa di sintomi specifici, quindi l'assenza dei disturbi "tradizionali" (nausea, tensione al seno e così via) non deve essere interpretata come un segnale per forza negativo.  »

Fai la tua domanda agli specialisti