Baby Pasta all’acqua lenitiva, Equilibra

Baby Pasta all’acqua lenitiva, Equilibra

È una pasta studiata per proteggere e lenire gli arrossamenti cutanei e i rossori da pannolino. La leggerezza della pasta all’acqua e il suo ridotto potere occlusivo consentono usi ripetuti. Applicata regolarmente, a ogni cambio pannolino, fornisce alla pelle del bambino una barriera protettiva che aiuta a proteggere le zone più delicate e soggette ad arrossamenti. Indicata per pelli sensibili, è senza conservanti, parabeni, petrolati, Sles e Sls. 

Contiene ossido di zinco al 10%, protettivo, burro di karité, nutriente, glicerina vegetale, protettiva, estratti di avena e calendula, calmanti, olio di riso, emolliente, vitamina E, che mantiene elastica la pelle, olio di mandorle dolci, emolliente e addolcente. In più l’aloe vera Equilibra®, contenuta in importanti quantità (20%), è un prezioso estratto naturale ricco in polisaccaridi che dona idratazione e protezione.

Nella grande distribuzione, tubo da 100 ml, 6,45 euro.

Novembre 2017

 

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Sono incinta e non sono immune alla rosolia: è pericoloso fare il vaccino a mio figlio?

28/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dott.ssa Elena Bozzola

Nessuno studio ha mai evidenziato che un bimbo subito dopo essere stato vaccinato contro la rosolia possa trasmetterla. Di conseguenza, anche in gravidanza non si rischia nulla se si hanno contatti con un bambino appena vaccinato.  »

Continue infezioni delle vie urinarie: che fare?

27/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui si vada incontro a numerose infezioni delle vie urinarie diventa necessario rivolgersi a uno specialista in urologia o uro-ginecologia per farsi indicare il percorso terapeutico più efficace e, quindi, risolutivo.   »

Tutti figli maschi: casualità o genetica?

24/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Paolo Gasparini

Ogni fecondazione costituisce una storia a sé e ogni volta si hanno le stesse probabilità di concepire un maschio o una bambina. È, dunque, sempre il caso a "tirare i dadi".  »

Fai la tua domanda agli specialisti