Bepanthenol Pasta protettiva lenitiva, Bayer

Bepanthenol Pasta protettiva lenitiva, Bayer

Contiene pantenolo (in concentrazione al 5%), la pro vitamina B5 efficace nel favorire il naturale processo di rigenerazione della pelle; lipidi cutanei, che creano una barriera protettiva che lascia traspirare la pelle delicata ma la isola dal contatto con sostanze irritanti, mantenendola morbida e idratata.

Bepanthenol Pasta Lenitiva Protettiva è indicata per la prevenzione e il trattamento di: arrossamenti del sederino del bambino, pelle secca, screpolata e facilmente irritabile. Può essere utilizzata fin dai primissimi giorni, a ogni cambio di pannolino. È sicura: non contiene profumi, conservanti e altre sostanze potenzialmente irritanti, ed è clinicamente testato. Non è occlusiva: la semipermeabilità consente alla pelle di ”respirare”. Agisce a lungo: la sua protezione dura nel tempo. È trasparente: consente di seguire l’evoluzione dell’irritazione fino al ritorno della normalità. È pratica: è facile da spalmare e non richiede l’asportazione fra un’applicazione e l’altra.

Novembre 2017

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Perdite di sangue nel primo trimestre: cosa può essere?

27/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una volta escluso, grazie all'ecografia, che il sanguinamento sia dovuto a un distacco o ad altre complicazioni, occorre capire se la causa potrebbe essere un'infezione.   »

Gravidanza: quando conviene annunciarla a parenti e amici?

26/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Non c'è una regola che stabilisce quando è opportuno comunicare a tutti che si è in attesa di un bambino. Il momento in cui farlo dipende da una scelta personalissima che ogni coppia deve fare in base al proprio sentire.  »

Neo sospetto: meglio toglierlo subito o basta tenerlo sotto controllo?

23/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Un neo dall'aspetto poco rassicurante va asportato allo scopo di comprenderne, attraverso l'esame istologico, la natura. Non è però necessario procedere tempestivamente, ma è possibile attendere fino a sei mesi (non di più!) per farne ricontrollare l'evoluzione.   »

Bimbo che rifiuta pranzi e cene (ma come dargli torto?)

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Se a un bambino vengono sistematicamente proposti primi e pietanze poco allettanti, costituiti da un insieme di alimenti che, mescolati insieme, perdono sapore si deve mettere in preventivo che a un certo punto si rifiuti di inghiottirli.   »

Fai la tua domanda agli specialisti