Pannolini ipoallergenici, Lillydoo

Pannolini ipoallergenici, Lillydoo

Senza sostanze dannose, alta performance e tanto stile, anche nella comoda modalità di acquisto in abbonamento: sono le caratteristiche di questi nuovi pannolini.

Delicati sulla pelle e certificati ipoallergenici: LILLYDOO evita consapevolmente di usare sostanze potenzialmente dannose per il sederino delicato dei bambini, come profumi, parabeni ed emulsionanti PEG. Svariate certificazioni infatti confermano che le cose semplici sono, a volte, le migliori: i pannolini LILLYDOO sono certificati OEKO-TEX® STANDARD 100 e “vegan & cruelty free” da PETA. Sono anche valutati come “eccellenti” da Dermatest e Allergy Certified garantisce il rischio minimo di allergie cutanee.

Lillydoo_Fantasie
I prodotti LILLYDOO sono anche disponibili nella pratica opzione in abbonamento. Su www.lillydoo.com e con pochi clic i genitori possono scegliere la taglia, le fantasie e l’intervallo di consegna che preferiscono. E, se i pannolini diventano piccoli, possono essere cambiati senza costi aggiuntivi per una taglia più grande. L’abbonamento può naturalmente essere disdetto senza vincoli e in qualsiasi momento. Inoltre, gli abbonati ricevono sempre uno sconto del 25% su tutti i prodotti dell’abbonamento e le spese di spedizione sono gratuite. Quello che si risparmia non è solo tempo ed energie, ma anche denaro.

I pannolini LILLYDOO sono disponibili in diverse fantasie piene di stile ma anche gli altri prodotti LILLYDOO e il packaging sono caratterizzati da un design moderno. Oltre a pannolini ipoallergenici, LILLYDOO offre salviettine umidificate biodegradabili (“99% acqua” e “per pelli sensibili”) e teli cambio super morbidi.

I prodotti LILLYDOO sono disponibili su www.lillydoo.com e possono essere acquistati individualmente o in abbonamento.

Gennaio 2019

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Ragazzina di 12 anni con problemi di comportamento

04/05/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

I 12 anni possono essere un'età complicata, ma la pazienza unita a un ascolto attento e affettuoso possono aiutare a fronteggiarli senza troppi scossoni.   »

Fibromi in gravidanza: sono pericolosi?

02/05/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

I fibromi in sé non costituiscono un pericolo per il bambino in utero, tuttavia è importante tenerli monitorati.  »

Embrione che non si vede alla quinta settimana

16/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Anna Maria Marconi

Fare un'ecografia troppo presto (prima della settima settimana) non serve a nulla e, in più, è causa di grandi spaventi che ci si potrebbe risparmiare se solo si avesse un po' di pazienza.  »

Fai la tua domanda agli specialisti