Pasta di Hoffmann Sella, Sella

Pasta di Hoffmann Sella, Sella

È un prodotto cosmetico di antica tradizione, ma sempre attuale per la sua equilibrata formulazione a base di ossido di zinco e olio di oliva. Svolge un’azione lenitiva, protettiva ed antiarrossamento sulle pelli più sensibili e delicate. Agisce in profondità, ma con delicatezza, proteggendo la pelle dalle irritazioni e dalle screpolature provocate dagli agenti esterni.

Per la sua azione protettiva, è particolarmente indicata per un uso quotidiano sulla pelle dei bambini e dei neonati, per prevenire l’azione irritante di urina e feci, con cui la cute può rimanere a contatto soprattutto in caso di pannolini “assorbi pipì”. Non solo. Per la sua efficacia, è consigliabile anche per gli adulti che siano costretti a lunghi periodi di permanenza a letto o che fanno uso di pannolini da incontinenza.

Più volte oggetto di sperimentazioni e test clinici che hanno dimostrato la naturalità e l’efficacia della sua formulazione, la Pasta di Hoffmann Sella è consigliata da numerosi specialisti e usata in molte cliniche pediatriche italiane.

In farmacia, 75 ml, 5,90 euro.

Novembre 2017

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Perdite di sangue nel primo trimestre: cosa può essere?

27/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una volta escluso, grazie all'ecografia, che il sanguinamento sia dovuto a un distacco o ad altre complicazioni, occorre capire se la causa potrebbe essere un'infezione.   »

Gravidanza: quando conviene annunciarla a parenti e amici?

26/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Non c'è una regola che stabilisce quando è opportuno comunicare a tutti che si è in attesa di un bambino. Il momento in cui farlo dipende da una scelta personalissima che ogni coppia deve fare in base al proprio sentire.  »

Neo sospetto: meglio toglierlo subito o basta tenerlo sotto controllo?

23/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Un neo dall'aspetto poco rassicurante va asportato allo scopo di comprenderne, attraverso l'esame istologico, la natura. Non è però necessario procedere tempestivamente, ma è possibile attendere fino a sei mesi (non di più!) per farne ricontrollare l'evoluzione.   »

Bimbo che rifiuta pranzi e cene (ma come dargli torto?)

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Se a un bambino vengono sistematicamente proposti primi e pietanze poco allettanti, costituiti da un insieme di alimenti che, mescolati insieme, perdono sapore si deve mettere in preventivo che a un certo punto si rifiuti di inghiottirli.   »

Fai la tua domanda agli specialisti