Pasta protettiva – Trudi Baby Nature

Pasta protettiva – Trudi Baby Nature

Una morbida emulsione, vellutata e a ridotto “effetto bianco” per una pasta protettiva in grado di apportare alla cute, oltre al comfort di un’efficace protezione,  le sostanze più utili per autodifendersi, ripararsi e prevenire il fastidioso eritema da pannolino, una delle manifestazioni più comuni nei neonati. La formula esclusiva della Pasta Protettiva Trudi Baby Nature, grazie alla sinergia prebiotica, promuove la formazione di un film protettivo non occlusivo e rispetta le naturali difese cutanee. Gli altri attivi attivi selezionati – dal burro di babassu alle cere di mimosa, jojoba e girasole, dall’olio di avocado all’amido di riso –  hanno inoltre proprietà idratanti, lenitive e preventive dell’azione batterica, preservano e stimolano l’ecoflora, prevengono l’insorgenza di fenomeni irritativi, proteggono dalle aggressioni esterne e aumentano la resistenza cutanea. 100 ml, 6 euro circa. In farmacia.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Pap test in gravidanza: conviene farlo?

28/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Posto che è il ginecologo curante a dover decidere l'intervallo di tempo tra un pap test e l'altro, in base al risultato ottenuto l'ultima volta che è stato effettuato, in generale non occorre farlo in gravidanza, se sono passati meno di tre anni dall'ultimo.   »

Tampone positivo allo streptococco durante la gravidanza

23/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Ci sono delle indicazioni da seguire quando si risulta positive allo streptococco in prossimità del parto, prima tra tutte recarsi con urgenza in Pronto soccorso fin dalla prima comparsa delle contrazioni.   »

Tosse dei bambini: l’antibiotico serve o no?

14/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

La tosse secca, anche se più disturbante, non deve preoccupare e non richiede inevitabilmente l'antibiotico, che invece va somministrato quando la tosse è “grassa”, con tanto catarro, e si protrae per oltre quattro settimane senza alcun accenno di miglioramento.  »

Fai la tua domanda agli specialisti