Saugella girl

Saugella girl

Detergente intimo a base di Malva sylvestris e Calendula officinalis, estratti ad azione protettiva ed emolliente. Deterge delicatamente, garantendo una corretta igiene intima alle bambine e preadolescenti frequentemente soggette a irritazioni e infiammazioni, spesso dovute a una scarsa o scorretta detersione intima. La sua formulazione, a base di estratti di Malva sylvestris e Calendula officinalis, svolge un’efficace azione antinfiammatoria. Alla presenza del Latte di avena e delle Proteine del riso è correlata invece l’azione lenitiva, emolliente e rinfrescante del prodotto. I suoi tensioattivi estremamente delicati sono particolarmente adatti alla detersione delle mucose sensibili delle bambine.

È utile ogni giorno per la detersione intima delle bambine in età prepuberale e in caso di edema, prurito e bruciore, tipici sintomi correlati a presenza di infiammazioni e irritazioni.

Saugella girl: 

–   è senza parabeni, senza allergeni

–  la sua efficacia è stata testata clinicamente

–   profumo, colore e formula sono stati studiati per educare piacevolmente le bambine a una corretta abitudine alla detersione intima quotidiana

–  è a pH 4.5 per mantenere la corretta acidità.

Saugella girl è da  utilizzare come un normale detergente una o due volte al giorno. In generale, è sempre consigliabile non eccedere nel numero di lavaggi.

Protezione e benessere quotidiani dedicati alle bambine da 3 a 12 anni. 

 

Formato da 200 ml con dispenser: € 7,10

 

Maggio 2020

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Gravidanza: quando conviene annunciarla a parenti e amici?

26/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Non c'è una regola che stabilisce quando è opportuno comunicare a tutti che si è in attesa di un bambino. Il momento in cui farlo dipende da una scelta personalissima che ogni coppia deve fare in base al proprio sentire.  »

Neo sospetto: meglio toglierlo subito o basta tenerlo sotto controllo?

23/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Un neo dall'aspetto poco rassicurante va asportato allo scopo di comprenderne, attraverso l'esame istologico, la natura. Non è però necessario procedere tempestivamente, ma è possibile attendere fino a sei mesi (non di più!) per farne ricontrollare l'evoluzione.   »

Bimbo che rifiuta pranzi e cene (ma come dargli torto?)

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Se a un bambino vengono sistematicamente proposti primi e pietanze poco allettanti, costituiti da un insieme di alimenti che, mescolati insieme, perdono sapore si deve mettere in preventivo che a un certo punto si rifiuti di inghiottirli.   »

Fai la tua domanda agli specialisti