Paolino Shampoo trattamento post pidocchi, Linea MammaBaby Olcelli

Paolino Shampoo trattamento post pidocchi, Linea MammaBaby Olcelli

È ideale dopo un trattamento antipediculosi in quanto protegge il capello e diminuisce il rischio di nuove infestazioni. La sua formulazione è a base di tensioattivi specifici ed oli naturali di melaleuca, lavanda, jojoba.
Lo shampoo svolge un’azione lenitiva sul cuoio capelluto che consente di alleviare il prurito, agisce direttamente sulla struttura del capello migliorandone la pettinabilità grazie alle proteine di germoglio di frumento. Utile come trattamento per tutta la famiglia nei periodi di maggior rischio di contaminazione.

Applicare sui capelli dopo un trattamento antipediculosi (come il Trattamento Schiuma Antipedicuolsi Linea MammaBaby), avendo cura di distribuirlo su tutta la capigliatura; lasciare agire per qualche minuto e risciacquare. Ripetere l’operazione. È consigliabile l’utilizzo a giorni alterni anche nel periodo tra il primo e il secondo trattamento antipediculosi specifico.

È dermatologicamente testato su pelli sensibili con profumazione naturale, senza coloranti, senza siliconi, senza parabeni. Ogni lotto di produzione è testato per Nichel*, Cromo*, Cobalto* (*<1ppm). Prodotto in Italia e, grazie all’attenzione per la selezione dei migliori ingredienti naturali e al rispetto delle normative ambientali, ogni referenza viene realizzata in armonia con la natura.

Settembre 2020

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimba che tira i capelli alla mamma: che fare?

09/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Afferrare i capelli della mamma anche in maniera così decisa da provocare un forte fastidio non è espressione della volontà diel bambino di "farle del male" quanto piuttosto di un desiderio di appropriarsi totalmente di lei.   »

Epatiti dei bambini: c’entra il vaccino contro il CoVid-19?

28/04/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Matteo Bassetti

Non ci sono elementi che suggeriscano una relazione tra il vaccino contro il coronavirus Sars-CoV-2 e l'epatite acuta dell'età pediatrica.  »

Preoccupata per l’assenza di sintomi “di gravidanza”

19/04/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Non è così automatico che la gravidanza, una volta iniziata, determini la comparsa di sintomi specifici, quindi l'assenza dei disturbi "tradizionali" (nausea, tensione al seno e così via) non deve essere interpretata come un segnale per forza negativo.  »

Fai la tua domanda agli specialisti