Purificatore d’aria AC3256/10, Philips

Purificatore d’aria AC3256/10, Philips

È caratterizzato dalla tecnologia VitaShield IPS, in grado di rimuovere in modo naturale particelle ultrasottili fino a 0,02 µm e il 99,97% dei comuni allergeni[i] . Inoltre, la tecnologia Aerasense consente di monitorare in tempo reale la qualità dell’aria degli ambienti interni, mentre la speciale modalità automatica Allergeni è stata pensata in mondo specifico per i soggetti allergici.  Il purificatore è utilizzabile anche di notte perché dotato di modalità notturna che riduce la velocità della ventola e lo rende si silenzioso per offrirti un sonno ancora più confortevole.

La lotta contro le allergie inizia dall’ambiente domestico. I purificatori d’aria Philips possono aiutare a migliorare la qualità dell’aria interna riducendo i fattori scatenanti come ad esempio le particelle sospese nell’aria, polvere e pollini, contribuendo a creare un ambiente più sano per tutta la famiglia. La collaborazione con esperti di fama mondiale – come l’Università di Bochum (Germania), AHAM, ECARF e Airmid Healthgroup – unita all’esperienza nel campo della salute respiratoria, hanno permesso a Philips di realizzare prodotti per il trattamento dell’aria di altissimo livello.

[i] Rimuove il 99,97% dei comuni allergeni: test effettuato nel 2015 da un laboratorio di terze parti

Aprile 2019

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Sertralina in gravidanza contro ansia e attacchi di panico: ci sono rischi?

17/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Durante la gravidanza, se necessario si possono assumere psicofarmaci della categoria degli SSRI (inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina) senza esporre il bambino a rischi. Ben peggio sarebbe non impiegarli quando ve ne è bisogno.   »

Bimbo di sette mesi con un “buchetto” sopra il sederino: è preoccupante?

16/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

La presenza di una fossetta sacro-coccigea a fondo cieco, se non è associata ad altri segnali che possano far pensare a un problema della colonna vertebrale, non è significativa.   »

Preoccupata per l’assenza di sintomi “di gravidanza”

19/04/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Non è così automatico che la gravidanza, una volta iniziata, determini la comparsa di sintomi specifici, quindi l'assenza dei disturbi "tradizionali" (nausea, tensione al seno e così via) non deve essere interpretata come un segnale per forza negativo.  »

Fai la tua domanda agli specialisti