Purificatore d’aria AC3256/10, Philips

Purificatore d’aria AC3256/10, Philips

È caratterizzato dalla tecnologia VitaShield IPS, in grado di rimuovere in modo naturale particelle ultrasottili fino a 0,02 µm e il 99,97% dei comuni allergeni[i] . Inoltre, la tecnologia Aerasense consente di monitorare in tempo reale la qualità dell’aria degli ambienti interni, mentre la speciale modalità automatica Allergeni è stata pensata in mondo specifico per i soggetti allergici.  Il purificatore è utilizzabile anche di notte perché dotato di modalità notturna che riduce la velocità della ventola e lo rende si silenzioso per offrirti un sonno ancora più confortevole.

La lotta contro le allergie inizia dall’ambiente domestico. I purificatori d’aria Philips possono aiutare a migliorare la qualità dell’aria interna riducendo i fattori scatenanti come ad esempio le particelle sospese nell’aria, polvere e pollini, contribuendo a creare un ambiente più sano per tutta la famiglia. La collaborazione con esperti di fama mondiale – come l’Università di Bochum (Germania), AHAM, ECARF e Airmid Healthgroup – unita all’esperienza nel campo della salute respiratoria, hanno permesso a Philips di realizzare prodotti per il trattamento dell’aria di altissimo livello.

[i] Rimuove il 99,97% dei comuni allergeni: test effettuato nel 2015 da un laboratorio di terze parti

Aprile 2019

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Perdite di sangue nel primo trimestre: cosa può essere?

27/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una volta escluso, grazie all'ecografia, che il sanguinamento sia dovuto a un distacco o ad altre complicazioni, occorre capire se la causa potrebbe essere un'infezione.   »

Gravidanza: quando conviene annunciarla a parenti e amici?

26/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Non c'è una regola che stabilisce quando è opportuno comunicare a tutti che si è in attesa di un bambino. Il momento in cui farlo dipende da una scelta personalissima che ogni coppia deve fare in base al proprio sentire.  »

Neo sospetto: meglio toglierlo subito o basta tenerlo sotto controllo?

23/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Un neo dall'aspetto poco rassicurante va asportato allo scopo di comprenderne, attraverso l'esame istologico, la natura. Non è però necessario procedere tempestivamente, ma è possibile attendere fino a sei mesi (non di più!) per farne ricontrollare l'evoluzione.   »

Bimbo che rifiuta pranzi e cene (ma come dargli torto?)

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Se a un bambino vengono sistematicamente proposti primi e pietanze poco allettanti, costituiti da un insieme di alimenti che, mescolati insieme, perdono sapore si deve mettere in preventivo che a un certo punto si rifiuti di inghiottirli.   »

Fai la tua domanda agli specialisti