Purificatore Umidificatore AC4080/10, Philips

Purificatore Umidificatore AC4080/10, Philips

Si respira aria più sana con questo sistema combinato che purifica e umidifica. Purificatore d’aria con tecnologia di filtraggio Vitashield IPS. Certificato ECARF per andare incontro alle esigenze delle persone allergiche. Grazie al sistema di filtri, pulisce l’aria delle impurità filtrando polveri ultrasottili, batteri e virus di dimensione maggiore ai 0,02 microns. L’umidificazione NanoCloud immette nell’aria il 99% in meno di batteri rispetto alla tecnologia standard ad ultrasuoni. Sistema di protezione per l’aria sana: il prodotto si ferma quando il filtro va sostituito.

Umidificatore d’aria con tecnologia NanoCloud con funzionamento per evaporazione naturale .
Sensore intelligente che controlla la qualità dell’aria e ne da un feedback luminoso (blu-viola-rosso).
Con modalità di umidificazione e purificazione automatica e tre velocità per controllare il flusso dell’aria e la rumorosità.
Modalità “sleep” per funzionamento silenzioso (solo 36 dB ) e a luminosità ridotta per l’utilizzo notturno con Timer 1/4/8 ore facile da impostare.

In vendita a 379,99 euro.

Gennaio 2018

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Neo sospetto: meglio toglierlo subito o basta tenerlo sotto controllo?

23/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Un neo dall'aspetto poco rassicurante va asportato allo scopo di comprenderne, attraverso l'esame istologico, la natura. Non è però necessario procedere tempestivamente, ma è possibile attendere fino a sei mesi (non di più!) per farne ricontrollare l'evoluzione.   »

Bimbo che rifiuta pranzi e cene (ma come dargli torto?)

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Se a un bambino vengono sistematicamente proposti primi e pietanze poco allettanti, costituiti da un insieme di alimenti che, mescolati insieme, perdono sapore si deve mettere in preventivo che a un certo punto si rifiuti di inghiottirli.   »

Piccolissimo che piange perché vuole stare in braccio

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Non stupisce affatto che un bimbo di neppure due mesi smetta di piangere solo quando viene preso in braccio dalla madre. Spetta a quest'ultima trasmettergli l'affettuoso, rassicurante messaggio di esserci per lui sempre e comunque, anche quando è nella culla.   »

Fai la tua domanda agli specialisti