Osmobiotic Flora Baby, Boiron

Osmobiotic Flora Baby, Boiron

Fa parte di una nuova gamma di integratori alimentari a base di probiotici e fermenti lattici. Si tratta di ceppi batterici accuratamente selezionati per favorire l’equilibrio della flora intestinale. La particolarità è che sono senza allergeni alimentari, senza glutine e senza lattosio.
Questa gamma è stata sviluppata per rispondere ai bisogni di tutta la famiglia attraverso 3 integratori alimentari con una formulazione specifica per tutte le età: Osmobiotic Flora Baby è adatto per i più piccoli, sopra il mese di vita. Ogni prodotto ha dosaggi, ceppi e forme galeniche specifiche.

Osmobiotic Flora Baby è disponibile in un flacone da 5 ml di sospensione oleosa con contagocce e si consiglia la dose di 5 gocce al giorno in un’unica assunzione per 15 giorni. Contiene:
– Bifidobacterium breve BR03: 250 milioni per dose. Contribuisce all’equilibrio del microbiota intestinale. Nello specifico, questo ceppo è in grado di contrastare in vitro i patogeni, per esempio Escherichia coli, il principale agente patogeno responsabile della diarrea infettiva nei bambini.
Lactobacillus casei LC03 : 250 milioni per dose. È presente in tutti e 3 gli integratori Boiron ed è stato selezionato per il suo ruolo benefico e per la sua specificità rispetto ai prodotti già disponibili nel mercato.

Tecnologia all’avanguardia: la microincapsulazione
I ceppi batterici non protetti vengono attaccati dall’ambiente acido dell’apparato digerente e le loro proprietà vengono modificate prima ancora che riescano a raggiungere l’intestino. È per questo che Boiron, per garantire una migliore sopravvivenza dei ceppi microbiotici fino al loro arrivo nell’intestino, ha deciso di utilizzare un processo brevettato: la microincapsulazione. I ceppi sono microincapsulati singolarmente secondo un processo tecnologico brevettato all’avanguardia che consiste nel rivestire ogni ceppo con un sottile strato lipidico protettivo per renderli resistenti all’umidità e ai succhi gastrici durante il passaggio attraverso il tratto digestivo. Questo strato lipidico viene degradato solo una volta che i ceppi sono transitati dallo stomaco, aumentando il numero di ceppi che arrivano vivi nell’intestino. Il risultato è un tasso di sopravvivenza dei ceppi nell’intestino pari al 90%, rispetto al 10-25% dei ceppi non microincapsulati.

Novembre 2020

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Voglio un figlio (a 44 anni) ma ho paura che non sia sano: che fare?

27/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La scelta di avere un figlio in età avanzata è personalissima: nessuno specialista può dare consigli al riguardo, solo indicare i rischi a cui si potrebbe andare incontro, in modo da permettere di decidere con consapevolezza.  »

Quarto cesareo a 30 anni: sono proprio tanti i rischi?

26/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Un quarto cesareo espone la donna a vari rischi che è bene valutare attentamente anche con l'aiuto del ginecologo curante.  »

Paura di aver contratto la toxoplasmosi

28/06/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Per sapere se malauguratamente si è state contagiate dal Toxoplasma gondii si può fare il toxo test, a partire da 20 giorni dopo l'ingestione dell'alimento che si teme fosse contaminato.   »

Fai la tua domanda agli specialisti