Fernando senza effe, Bookabook

Fernando senza effe, Bookabook

Fernando è un bambino normale, che vive in una casa normale con una famiglia normale. Eppure, un giorno succede qualcosa. Durante l’ora di musica della terrifica signorina Grancassa uno starnuto inopportuno gli fa perdere la lettera effe. Gli amici, la mamma e anche il cane Furio sembrano non capirlo più. Come farà ora? Fernando, anzi ernando, intraprende allora un viaggio piccolo piccolo che lo farà sentire grande, diverso, ma non per questo sbagliato.

Come tutti i libri pubblicati da Bookabook, questo libro è stato scelto due volte. La prima dagli editor che lo hanno selezionato tra molti manoscritti e la seconda da centinaia di lettori, che lo hanno sostenuto attraverso una campagna di crowdfunding di successo.

Di G. Oberholtzer, 14 euro.

Maggio 2018

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Perdite di sangue nel primo trimestre: cosa può essere?

27/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una volta escluso, grazie all'ecografia, che il sanguinamento sia dovuto a un distacco o ad altre complicazioni, occorre capire se la causa potrebbe essere un'infezione.   »

Gravidanza: quando conviene annunciarla a parenti e amici?

26/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Non c'è una regola che stabilisce quando è opportuno comunicare a tutti che si è in attesa di un bambino. Il momento in cui farlo dipende da una scelta personalissima che ogni coppia deve fare in base al proprio sentire.  »

Neo sospetto: meglio toglierlo subito o basta tenerlo sotto controllo?

23/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Un neo dall'aspetto poco rassicurante va asportato allo scopo di comprenderne, attraverso l'esame istologico, la natura. Non è però necessario procedere tempestivamente, ma è possibile attendere fino a sei mesi (non di più!) per farne ricontrollare l'evoluzione.   »

Bimbo che rifiuta pranzi e cene (ma come dargli torto?)

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Se a un bambino vengono sistematicamente proposti primi e pietanze poco allettanti, costituiti da un insieme di alimenti che, mescolati insieme, perdono sapore si deve mettere in preventivo che a un certo punto si rifiuti di inghiottirli.   »

Fai la tua domanda agli specialisti