Giubbotti in PET riciclato, Prénatal

Giubbotti in PET riciclato, Prénatal

La collezione Autunno/Inverno di Prénatal presenta una ricca proposta di giubbotti realizzati in PET riciclato. Una linea che pensa all’ambiente, nell’ottica del riuso, evitando sprechi e riducendo l’utilizzo di risorse naturali.

Giubbotti che prendono forma dalle fibre ottenute dalle bottiglie in PET. Un modo nuovo di guardare al futuro per renderlo sempre più sostenibile. Una scelta naturalmente associata alla qualità (e bellezza) di un prodotto dedicato all’infanzia.

Tanti i modelli tra cui scegliere e farsi ispirare, disponibili per i bambini dai 3 mesi agli otto anni. Si parte con le proposte smanicate, perfette per i giorni più miti o i momenti di gioco al parco, passando poi a quelle con maniche lunghe e cappuccio.

Modelli in tinta unita, con delicate fantasie o con dettagli di colore a contrasto, come quelli delle bordature e della zip frontale.

I giubbotti in PET riciclato e l’intera collezione sono disponibili nei 162 punti vendita in Italia o sul sito www.prenatal.com

Ottobre 2021

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimbo di sette mesi con un “buchetto” sopra il sederino: è preoccupante?

16/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

La presenza di una fossetta sacro-coccigea a fondo cieco, se non è associata ad altri segnali che possano far pensare a un problema della colonna vertebrale, non è significativa.   »

Epatiti dei bambini: c’entra il vaccino contro il CoVid-19?

28/04/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Matteo Bassetti

Non ci sono elementi che suggeriscano una relazione tra il vaccino contro il coronavirus Sars-CoV-2 e l'epatite acuta dell'età pediatrica.  »

Preoccupata per l’assenza di sintomi “di gravidanza”

19/04/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Non è così automatico che la gravidanza, una volta iniziata, determini la comparsa di sintomi specifici, quindi l'assenza dei disturbi "tradizionali" (nausea, tensione al seno e così via) non deve essere interpretata come un segnale per forza negativo.  »

Fai la tua domanda agli specialisti