Regali solidali e Tutina rossa, Medici Senza Frontiere

Regali solidali e Tutina rossa, Medici Senza Frontiere

Per chi vuole fare regali solidali, Medici Senza Frontiere propone più scelte. Innanzitutto ci sono i regali solidali virtuali, che donano cure mediche e assistenza umanitaria, come kit per parto sicuri (strumentazioni e materiali). Bastano pochi semplici click: selezionare la categoria e il regalo, decidere se si preferisce inviare una cartolina digitale o cartacea, personalizzarla con un messaggio e inviarla a chi si vuole. I propri auguri arriveranno lontano!

Un’altra opportunità è quella di scegliere oggetti o abbigliamento offrendo una donazione. Per la tutina rossa da bambino, per esempio, è prevista una donazione minima di 13 euro, tramite la quale  si può donare a 4 bambini il vaccino contro la febbre gialla per la quale, una volta contratta, non esistono trattamenti specifici di cura.

La tutina rossa solidale è a maniche lunghe in cotone bio con Baby Omini MSF stilizzati e cuore sul fronte, Baby Omino e scritta Bebè Senza Frontiere con logo sul retro. È stata prodotta da Assisi Garments, una piccola azienda tessile indiana che dà lavoro a circa cento ragazze diversamente abili o poverissime che ricevono stipendi regolari e fondi previdenziali.

Per fare acquisti o donazioni:

bottegasolidale.medicisenzafrontiere.it

Dicembre 2019

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Quinta malattia: sono incinta e forse sono stata contagiata: che fare?

20/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Fabrizio Pregliasco

Nel caso in cui vi sia il dubbio di essere state contagiate dal parvovirus B19, è opportuno effettuare il test per la ricerca degli anticorpi specifici. Questa analisi dle sangue permette di capire se si è state colpite o no dall'infezione.   »

Concepimento: dopo due mesi non si è ancora verificato, c’è da preoccuparsi?

16/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Non fa bene alla fertilità di coppia farsi prendere dall'ansia del risultato immediatamente dopo aver deciso di avere un figlio. Non è, infatti, automatico che la gravidanza inizi quando viene decisa, ma questo non è affatto preoccupante.  »

Distacco amniocoriale che non si riassorbe con il passare delle settimane

14/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In presenza di un distacco amniocoriale che non si risolve non serve intensificare i controlli, mentre sono utili il riposo e un'alimentazione che favorisca l'attività dell'intestino, perché la stipsi può favorire la comparsa prematura di contrazioni uterine.   »

Fai la tua domanda agli specialisti