Regali solidali e Tutina rossa, Medici Senza Frontiere

Regali solidali e Tutina rossa, Medici Senza Frontiere

Per chi vuole fare regali solidali, Medici Senza Frontiere propone più scelte. Innanzitutto ci sono i regali solidali virtuali, che donano cure mediche e assistenza umanitaria, come kit per parto sicuri (strumentazioni e materiali). Bastano pochi semplici click: selezionare la categoria e il regalo, decidere se si preferisce inviare una cartolina digitale o cartacea, personalizzarla con un messaggio e inviarla a chi si vuole. I propri auguri arriveranno lontano!

Un’altra opportunità è quella di scegliere oggetti o abbigliamento offrendo una donazione. Per la tutina rossa da bambino, per esempio, è prevista una donazione minima di 13 euro, tramite la quale  si può donare a 4 bambini il vaccino contro la febbre gialla per la quale, una volta contratta, non esistono trattamenti specifici di cura.

La tutina rossa solidale è a maniche lunghe in cotone bio con Baby Omini MSF stilizzati e cuore sul fronte, Baby Omino e scritta Bebè Senza Frontiere con logo sul retro. È stata prodotta da Assisi Garments, una piccola azienda tessile indiana che dà lavoro a circa cento ragazze diversamente abili o poverissime che ricevono stipendi regolari e fondi previdenziali.

Per fare acquisti o donazioni:

bottegasolidale.medicisenzafrontiere.it

Dicembre 2019

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Neo sospetto: meglio toglierlo subito o basta tenerlo sotto controllo?

23/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Un neo dall'aspetto poco rassicurante va asportato allo scopo di comprenderne, attraverso l'esame istologico, la natura. Non è però necessario procedere tempestivamente, ma è possibile attendere fino a sei mesi (non di più!) per farne ricontrollare l'evoluzione.   »

Bimbo che rifiuta pranzi e cene (ma come dargli torto?)

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Se a un bambino vengono sistematicamente proposti primi e pietanze poco allettanti, costituiti da un insieme di alimenti che, mescolati insieme, perdono sapore si deve mettere in preventivo che a un certo punto si rifiuti di inghiottirli.   »

Piccolissimo che piange perché vuole stare in braccio

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Non stupisce affatto che un bimbo di neppure due mesi smetta di piangere solo quando viene preso in braccio dalla madre. Spetta a quest'ultima trasmettergli l'affettuoso, rassicurante messaggio di esserci per lui sempre e comunque, anche quando è nella culla.   »

Fai la tua domanda agli specialisti