T-shirt Unicef di Versace, Privalia

T-shirt Unicef di Versace, Privalia

Dal 13 al 24 novembre, in occasione della  Giornata Internazionale dei diritti dell’infanzia, sarà possibile aiutare l’UNICEF con una donazione al numero solidale 45566 e ricevere questa speciale t-shirt realizzata da Privalia e disegnata dalla stilista Francesca Versace. L’obiettivo è cambiare la difficile vita di tanti bambini in difficoltà.

Il 20 novembre è la  Giornata Internazionale dei diritti dell’infanzia ma c’è tempo dal 13 al 24 novembre. Sarà possibile così donare all’UNICEF 2 euro per ciascun SMS al 45566 inviato da cellulari Wind Tre, TIM, Vodafone, CoopVoce e PosteMobile; 5 o 10 euro per ciascuna chiamata effettuata al 45566 da rete fissa TIM, Wind Tre e Vodafone; 2 euro da rete fissa PosteMobile. Coloro che effettueranno una donazione attraverso il 45566 potranno ricevere questa speciale t-shirt realizzata grazie a Privalia e disegnata dalla stilista Francesca Versace.

“Sono orgogliosa di aver contribuito insieme a Privalia a questa iniziativa” – racconta Francesca Versace. “Questa T-shirt è un omaggio al talento dei bambini e allo straordinario lavoro dell’UNICEF per garantire ad ogni bambino il diritto di realizzare i propri sogni.”

Novembre 2017

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Menarca in bimba di 9 anni: crescerà ancora?

17/01/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Non è così automatico che l'arrivo della prima mestruazione segni la fine della crescita in altezza.   »

Anticorpi: con che quantità si può rinviare la seconda o la terza dose?

17/01/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Fabrizio Pregliasco

A oggi non è ancora stato stabilito quale valore relativo agli anticorpi assicuri una copertura tale da consentire di rimandare (o, peggio, evitare) la vaccinazione.   »

Bimbo difficile, mamma esasperata

11/01/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Può essere davvero emotivamente insostenibile gestire un bambino che urla e piange ogni volta che ci si allontana. Ma la soluzione ci può essere.   »

Fai la tua domanda agli specialisti