Dolce di Pasqua, Fratelli Carli

Dolce di Pasqua, Fratelli Carli

Prodotto con l’utilizzo esclusivo di Olio Extra Vergine di Oliva e senza burro, ha la tradizionale forma del dolce di Pasqua più famoso ed è realizzato solo con ingredienti di altissima qualità: uova fresche provenienti da galline allevate a terra e all’aperto, scorze di arancia candite naturalmente senza l’aggiunta di conservanti e coloranti, mandorle pugliesi intere.
Il Dolce di Pasqua Fratelli Carli – confezionato a mano – viene prodotto con tre giorni di lavorazione. Due sono gli impasti, 32 le ore totali di lievitazione (esclusivamente con lievito madre naturale, che assicura l’inconfondibile sofficità e digeribilità), 12 le ore di raffreddamento a temperatura ambiente e l’impiego dell’Olio Extra Vergine di Oliva: è questo il segreto di Fratelli Carli per la preparazione del suo Dolce di Pasqua.

Croccante e mandorlato fuori, soffice dentro, il Dolce di Pasqua all’Olio Extra Vergine di Oliva si rivela perfetto anche al gusto, per l’eccellente equilibrio tra l’agrumata farcitura e la fragrante dolcezza della glassa. La cascata di scorze di arancia si sposa perfettamente con il sapore vanigliato dell’impasto. Mentre, in superficie, granella di zucchero e mandorle italiane sgusciate ne esaltano la gradevolezza.
Il prezzo del Dolce di Pasqua da 1 Kg è di Euro 17,80 se l’ordine avviene per corrispondenza, tramite e-commerce (www.oliocarli.it) o via telefono (tel. 0183 7080). Il Dolce di Pasqua è inoltre disponibile anche negli Empori Fratelli Carli, attualmente presenti in 11 città italiane con un pack diverso.

Aprile 2019

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Mal di gola che ritorna dopo la cura con antibiotico

28/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

A fronte di un mal di gola che si ripresenta dopo quattro giorni dal termine della cura con antibiotico è opportuno fare un tampone per escludere la responsabilità dello streptococco.   »

PMA e perdite marrone dopo il transfer

28/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Francesco Maria Fusi

In un terzo delle gravidanze iniziate grazie alla procreazione medicalmente assistita si manifestano perdite che però non hanno significato né valore prognostico.   »

Aborto spontaneo: l’espulsione potrebbe non avvenire naturalmente?

26/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Dopo un mese da un'interruzione spontanea della gravidanza, se l'utero non si è ripulito spontaneamente, è prassi intervenire con il raschiamento. A volte, in alternativa, è possibile anche impiegare i farmaci.  »

Si può concepire di nuovo prima del capoparto?

12/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

La prima ovulazione dopo il parto può verificarsi quando ancora non si sono ripresentate le mestruazioni e questo vale anche se si allatta, quindi è possibile avviare una gravidanza prima che si manifesti il capoparto.   »

Fai la tua domanda agli specialisti