Succhietto Genius Silicone, Nuk

Succhietto Genius Silicone, Nuk

Il nuovo succhietto Genius 2.0 in silicone ha una speciale forma ortodontica Nuk appositamente sviluppata dai dentisti per simulare il lavoro di Madre Natura ed aiutare il sano sviluppo mandibolare. Il succhietto Genius 2.0 ha la tettina extra-piatta modellata sulla forma naturale del capezzolo materno, in modo da aderire perfettamente al palato del bambino e garantire maggior spazio alla lingua. È extra-morbido sulla parte superiore, in modo da ridurre l’attrito per consentire un più naturale movimento di suzione e per modellarsi perfettamente al palato del bambino come in natura fa il seno materno. Il collo della tettina è particolarmente sottile in modo da ridurre la pressione su denti e mandibola.

Rispetto al precedente succhietto NUK Genius, questo è il 45% più morbido, il 9% più stretto e il 35% più sottile. È disponibile in 4 diverse misure per accompagnare il bambino in tutte le fasi della sua vita: 0-2 mesi, 0-6 mesi, 6-18 mesi e 18-36 mesi.

In vendita a 7,20 euro.

Agosto 2017

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Sono incinta e non sono immune alla rosolia: è pericoloso fare il vaccino a mio figlio?

28/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dott.ssa Elena Bozzola

Nessuno studio ha mai evidenziato che un bimbo subito dopo essere stato vaccinato contro la rosolia possa trasmetterla. Di conseguenza, anche in gravidanza non si rischia nulla se si hanno contatti con un bambino appena vaccinato.  »

Continue infezioni delle vie urinarie: che fare?

27/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui si vada incontro a numerose infezioni delle vie urinarie diventa necessario rivolgersi a uno specialista in urologia o uro-ginecologia per farsi indicare il percorso terapeutico più efficace e, quindi, risolutivo.   »

Tutti figli maschi: casualità o genetica?

24/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Paolo Gasparini

Ogni fecondazione costituisce una storia a sé e ogni volta si hanno le stesse probabilità di concepire un maschio o una bambina. È, dunque, sempre il caso a "tirare i dadi".  »

Fai la tua domanda agli specialisti