Autismo e allattamento: il secondo peggiora il primo?

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 19/12/2020 Aggiornato il 19/12/2020

Il dottor Giovanni Valeri, neuropsichiatra dellOspedale pediatrico Bambino Gesù è con noi per fare chiarezza sul rapporto tra disturbo dello spettro autistico e allattamento al seno protratto.

Una domanda di: Alice
Salve, ho un bimbo di 26 mesi a cui è stato diagnosticato da poco disturbo dello spettro autistico. Ha iniziato da poco un processo terapeutico e le
neuropsichiatre che lo hanno valutato e che lo stanno seguendo mi hanno raccomandato di smettere di allattarlo al seno, per promuovere l’autonomia
del bambino, per un discorso di rigenerazione neuronale (il bimbo si sveglia 2/3 volte di notte si attacca e si riaddormenta), e perché secondo
loro l’allattamento intensifica quelle che sono le sue difficoltà comunicative e sociali. Vorrei avere un secondo parere. Grazie.

Risponde il dottor Giovanni Valeri, neuropsichiatra infantile Ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma:
Gentile signora, da nessuno studio finora effettuato è mai emerso che l’allattamento al seno protratto possa in qualche modo influire negativamente sul disturbo dello spettro autistico. Premesso questo, è vero che è importante che un bambino di 26 mesi sia incoraggiato a trovare modalità di consolazione alternative al seno, che possano consentirgli di diventare via via più autonomo. Il processo richiede pazienza e si compie con gradualità: si può iniziare, quando si sveglia di notte, a non offrirgli immediatamente il seno, ma a provare, per esempio, a porgergli un giocattolino morbido, parlandogli con tono affettuoso. Per promuovere le competenze sociali e comunicative, nel corso della giornata è importante creare attività “triadiche” condivise, che coinvolgano cioè il bambino, la mamma (o il papà) e un oggetto. Significa, per esempio, proporgli il gioco della palla o delle costruzioni oppure sfogliare con lui un libro ricco di figure. In relazione all’allattamento al seno, quello che conta è che non sia invasivo rispetto alle altre attività, non si configuri come il principale interesse del bambino, specialmente durante il giorno, ma lasci spazio anche ad altri tipi di interazione che, come già detto, coinvolgano anche un terzo “attore”. Vale dunque la pena di ripetere che non è l’allattamento al seno in quanto tale a configurarsi come elemento che può peggiorare la condizione del bambino, ma quello che può rappresentare in quanto attività che può contribuire a una sua maggiore chiusura verso l’esterno. Con cordialità.

BimbiSani&belli cercherà la risposta che desideri, consultando fonti autorevoli e attendibili.
Il servizio è riservato ai maggiorenni.


Chiedilo a BimbiSani&Belli

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Positiva allo streptococco a qualche settimana dal parto

19/04/2021 Bambino di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui il tampone rivelasse una positività allo streptococco, al momento del parto viene effettuata una profilassi antibiotica per evitare che il bambino venga contagiato dal batterio durante il passaggio all'esterno.  »

Embrione che non si vede alla quinta settimana

16/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Anna Maria Marconi

Fare un'ecografia troppo presto (prima della settima settimana) non serve a nulla e, in più, è causa di grandi spaventi che ci si potrebbe risparmiare se solo si avesse un po' di pazienza.  »

Smettere di allattare e sensi di colpa

27/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Le mamme sono specializzate in sensi di colpa, ma forse riuscirebbero a nutrirne di meno se solo acquisissero la consapevolezza che la tristezza e l'ansia che ne derivano non fanno bene alla serenità del bambino.   »

Fai la tua domanda agli specialisti