BPA nelle lattine dell’olio?

Luca Foltran A cura di Luca Foltran Pubblicato il 21/05/2019 Aggiornato il 21/05/2019

Gli imballaggi per uso alimentare immessi legalmente sul mercato non espongono ad alcun rischio per quanto riguarda la potenziale contaminazione degli alimenti da parte del bisfenolo A.

Una domanda di: Valentina
Ho letto che le lattine delle bibite contengono bpa (bisfenolo A). Ho visto che all’asilo di mio figlio usano l’olio extravergine contenuto nelle latte da 5 litri. Anche quelle contengono bpa? Sono sicure per le pappe dei bimbi ?

Gentile signora,
il bisfenolo A o BPA è un interferente endocrino in grado di alterare l’equilibrio ormonale e il metabolismo. In effetti è utilizzato in materiali plastici, nei rivestimenti interni delle lattine di bibite e di cibi in scatola: da qui può migrare in piccole quantità nel cibo, soprattutto in determinate condizioni (conservazione prolungata, alte temperature, alimenti con elevata presenza di grassi), mettendo potenzialmente a rischio la salute dei soggetti più vulnerabili come neonati, bambini e donne incinte.
Proprio per questi motivi la legge europea, recentemente aggiornata, ne prevede il divieto totale d’impiego nella produzione di tazze e bottiglie in policarbonato destinate a lattanti nonché nei rivestimenti di imballaggi destinati a formule per lattanti e alimenti per la prima infanzia.
Una latta destinata a contenere olio come quella descritta potrebbe in effetti avere all’interno un rivestimento prodotto con l’impiego BPA ma non vi sono ragioni di preoccupazione perché la legge impone anche dei limiti di migrazione: se la sostanza è utilizzata non deve passare nel cibo oltre soglie quantitative ben definite (50 microgrammi per ogni chilogrammo di alimento).
Questo valore limite che ogni imballaggio immesso legalmente sul mercato deve rispettare (parametro appurato mediante severi test condotti in laboratorio) garantisce che l’esposizione al BPA non costituisca un pericolo per la salute umana nè per adulti nè per bambini. Con cordialità.

BimbiSani&belli cercherà la risposta che desideri, consultando fonti autorevoli e attendibili.
Il servizio è riservato ai maggiorenni.


Chiedilo a BimbiSani&Belli

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Perché il bimbo in utero non si vede ancora?

23/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se l'ovulazione avviene più tardi rispetto all'ipotesi può accadere che l'embrione non sia visibile ecograficamente nell'epoca della gravidanza in cui generalmente lo è già.   »

SOS crisi di pianto inconsolabile

23/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Una volta appurato che il lattante piange per via delle "coliche dei tre mesi", non resta che attendere pazientemente che le crisi a poco a poco diminuiscano fino a sparire. Nella ceretzza che le sue urla disperate sono espressione di forza e di salute.   »

Peso: quale aumento a quattro mesi di vita?

19/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

L'aumento di peso ha un andamento influenzato da alcune variabili, tuttavia intorno al quinto mese di vita dovrebbe essere doppio rispetto a quello presentato alla nascita.   »

Fai la tua domanda agli specialisti