Cellulare: in gravidanza fa male tenerlo sul pancione?

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 28/02/2024 Aggiornato il 28/02/2024

Per rispondere sulla questione degli eventuali danni prodotti dalle onde elettromagnetiche emesse dal cellulare è con noi il professor Fabio Del Frate, docente di inquinamento elettromagnetico dell’Università Tor Vergata di Roma.

Una domanda di: Rosa
Salve, ho letto vari articoli sull’uso dei dispositivi elettronici in gravidanza e sul punto degli studi riguardo al cellulare. Io personalmente non ne faccio un uso smisurato ma, è capitato e sono alla 13 settimana di gravidanza, che stanotte, non riuscendo a dormire per le nausee mi sono messa al cellulare e mi sono svegliata che lo tenevo proprio sulla pancia (non so da che ora) in modalità “notturna non disturbare”. Chiedo se ciò possa aver arrecato danni al feto o conseguenze negative. La ringrazio anticipatamente.

Risponde il professor Fabio Del Frate, docente di inquinamento elettromagnetico dell’Università Tor Vergata di Roma. Cara signora, le onde elettromagnetiche penetrano nei tessuti. Il danno che, potenzialmente, potrebbero produrre sarebbe conseguenza della loro interazione con le cellule, le radiofrequenze utilizzate nella telefonia cellulare hanno tuttavia una capacità di penetrazione molto limitata, per cui i tessuti interessati sono quelli più superficiali. Quando il cellulare è in stand by continua ad emettere onde elettromagnetiche anche se a livelli molto bassi. Inoltre l’effetto prodotto dalle radiofrequenze diminuisce gradualmente fino ad azzerarsi in base alla lontananza del cellulare. Già a qualche decina di centimetri di distanza può considerarsi non significativo. Altro aspetto importante è il tempo di esposizione: anche se si ritiene che possibili effetti dannosi possano verificarsi solo con esposizioni prolungate e ripetute, prudenza vuole che, non potendo indicare con precisione un lasso di tempo “sicuro”, sia più opportuno durante la gravidanza evitare di tenere il cellulare in prossimità dell’addome. Comunque, ritengo che quanto accaduto non abbia esposto il suo bambino a particolari rischi. Cordialità.

BimbiSani&belli cercherà la risposta che desideri, consultando fonti autorevoli e attendibili.
Il servizio è riservato ai maggiorenni.


Chiedilo a BimbiSani&Belli

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dopo 4 maschietti arriverà la bambina?

16/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

Non è assolutamente detto che dopo quattro figli maschi il quinto sarà una femminuccia perchè a ogni gravidanza si ripresentano le stesse probabilità di aver concepito un maschio o una bambina.   »

Placenta bassa in 16^ settimana: si può prendere l’aereo?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una sospetta inserzione bassa della placenta va confermata con l’ecografia transvaginale a partire dalla 20^ settimana, quindi circa un mese prima di questa data è prematuro diagnosticarla: proprio per questo un viaggio in aereo si può affrontare senza rischi.   »

Dopo tre cesarei si può partorire naturalmente?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Al travaglio di prova dopo un parto cesareo, noto con l'acronimo TOLAC dall'inglese trial of labour after cesarean, possono essere ammesse solo le mamme che abbiano già affrontato l'intervento solo una, massimo due volte.   »

Manovre effettuate durante l’ecografia: possono causare danno al feto?

04/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giovanni Battista Nardelli

Nessuna delle manovre manuali esterne effettuate dal medico per poter svolgere l'ecografia nel migliore dei modi può esporre il feto a rischi.   »

Bimbo di 4 anni con una tosse che non passa nonostante l’antibiotico

02/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

È un'eventualità frequente che i bambini della scuola materna passino più tempo a tossire che il contrario. Posto questo, l’antibiotico andrebbe usato quanto la tosse con catarro persiste per più di un mese senza tendenza alla remissione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti