Graffio di gatto: può causare la toxoplasmosi?

Dottor Fabrizio Pregliasco A cura di Dottor Fabrizio Pregliasco Pubblicato il 20/09/2021 Aggiornato il 20/09/2021

La toxoplasmosi viene trasmessa da feci contaminate dal toxoplasma.

Una domanda di: Giulia
Sono in gravidanza a 22 settimane e 3 giorni e 3 giorni fa il mio gatto mi ha graffiata, facendomi uscire un po’ di sangue. È un gatto domestico, ha 5 anni e non è mai uscito di casa, al massimo un giretto sul nostro terrazzino.
È possibile contrarre la toxoplasmosi attraverso il graffio sulla gamba?
La ringrazio per la sua risposta, cordiali saluti.

Gentile signora,
dai morsi o graffi di gatto è impossibile contrarre la toxoplasmosi. Può accadere solo attraverso le feci, se contaminate. Può stare davvero tranquilla. Tanti auguri per un buon proseguimento della gravidanza.

BimbiSani&belli cercherà la risposta che desideri, consultando fonti autorevoli e attendibili.
Il servizio è riservato ai maggiorenni.


Chiedilo a BimbiSani&Belli

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Sono davvero a rischio di diabete gestazionale?

01/12/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Quando si inizia la gravidanza in una condizione di obesità e, in più, si aumenta di peso rapidamente già a partire dal primo trimestre il rischio di sviluppare il temibile diabete gestazionale diventa alto, soprattutto se l'esame della curva da carico di glucosio evidenzia un'iperproduzione di insulina....  »

Donna Rh negativo: anche dopo un aborto si sviluppano anticorpi contro il sangue Rh positivo?

30/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Esiste un esame che permette di appurare se la donna ha sviluppato anticorpi contro il fattore Rh positivo: si chiama Test di Coombs indiretto e si esegue come un normale prelievo di sangue.  »

Pap test in gravidanza: conviene farlo?

28/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Posto che è il ginecologo curante a dover decidere l'intervallo di tempo tra un pap test e l'altro, in base al risultato ottenuto l'ultima volta che è stato effettuato, in generale non occorre farlo in gravidanza, se sono passati meno di tre anni dall'ultimo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti