Gravidanza e presenza nel sangue dei Kell Antibody

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 08/03/2024 Aggiornato il 08/03/2024

Un sangue con presenza di Kell antibody non espone ad alcun rischio né il feto né la gravidanza. Per rassicurare su questo punto è con noi una grande esperta di medicina trasfusionale.

Una domanda di: Carmela
Mia nuora è incinta e vive a Dubai, ha fatto la prima visita con una dottoressa e dagli esami del sangue è emerso che ha i “Kell Antibody”.
Avremmo bisogno di saperne di più.
Vorremmo prenotare una televisita genetica da Dubai e vorremmo sapere se possiamo farlo con lei o se ci può indicare lo specialista del caso.

Risponde la dottoressa Maria Luigia Manisco, specialista in medicina trasfusionale, Azienda ospedaliera Desenzano del Garda (Brescia).

Cara signora, non è necessario consultare un genetista per la presenza di Kell Antibody, in quanto si tratta di una caratteristica assolutamente normale che non implica alcuna conseguenza né sulla gravidanza né sul feto. Serve averla individuata perché, nell’eventualità in cui per qualunque ragione sua nuora avesse bisogno di una trasfusione, sarebbe assolutamente necessario conoscere a fondo  tutte le caratteristiche del suo sangue, per essere sicuri di usarne un tipo perfettamente compatibile. Tutto qui. Posso dire che questa peculiarità del sangue di sua nuora è irrilevante quanto lo potrebbe essere affermare che ha gli occhi marrone e non azzurri. Può stare dunque assolutamente tranquilla. Quello che conta è che il ginecologo curante sia al corrente di questa caratteristica del sangue. Cordialmente.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dopo 4 maschietti arriverà la bambina?

16/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

Non è assolutamente detto che dopo quattro figli maschi il quinto sarà una femminuccia perchè a ogni gravidanza si ripresentano le stesse probabilità di aver concepito un maschio o una bambina.   »

Placenta bassa in 16^ settimana: si può prendere l’aereo?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una sospetta inserzione bassa della placenta va confermata con l’ecografia transvaginale a partire dalla 20^ settimana, quindi circa un mese prima di questa data è prematuro diagnosticarla: proprio per questo un viaggio in aereo si può affrontare senza rischi.   »

Dopo tre cesarei si può partorire naturalmente?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Al travaglio di prova dopo un parto cesareo, noto con l'acronimo TOLAC dall'inglese trial of labour after cesarean, possono essere ammesse solo le mamme che abbiano già affrontato l'intervento solo una, massimo due volte.   »

Manovre effettuate durante l’ecografia: possono causare danno al feto?

04/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giovanni Battista Nardelli

Nessuna delle manovre manuali esterne effettuate dal medico per poter svolgere l'ecografia nel migliore dei modi può esporre il feto a rischi.   »

Bimbo di 4 anni con una tosse che non passa nonostante l’antibiotico

02/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

È un'eventualità frequente che i bambini della scuola materna passino più tempo a tossire che il contrario. Posto questo, l’antibiotico andrebbe usato quanto la tosse con catarro persiste per più di un mese senza tendenza alla remissione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti