Sanguinamento e mononucleosi

Dottor Fabrizio Pregliasco A cura di Dottor Fabrizio Pregliasco Pubblicato il 31/01/2020 Aggiornato il 31/01/2020

La comparsa di spotting non ha relazione con la mononucleosi.

Una domanda di: Stefania
Qualche giorno fa mi hanno riscontrato dei linfonodi all’inguine e dei linfonodi al collo. Mi hanno fatto fare esame monotest ed è risultato positivo. Gli altri esami del sangue tra cui emocromo ok. Le mestruazioni sono arrivate il primo gennati e dal 19 gennaio ho macchie rosse come le ho avuto in precedenza. Possono essere dovute alla mononucleosi? Ho fatto test gravidanza negativo.

Risponde Fabrizio Pregliasco, infettivologo:
Gentile signora, ritengo che la sintomatologia non sia collegabile alla monucleosi. Tenga presente che la positività ai test può essere pregressa, cioè può segnalare che l’infezione è stata presa in passato. Per quanto riguarda le insolite perdite di sangue (spotting), le consiglio di effettuare un controllo dal ginecologo per comprendere a cosa sono dovute. Con cordialità.

BimbiSani&belli cercherà la risposta che desideri, consultando fonti autorevoli e attendibili.
Il servizio è riservato ai maggiorenni.


Chiedilo a BimbiSani&Belli

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Neo sospetto: meglio toglierlo subito o basta tenerlo sotto controllo?

23/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Un neo dall'aspetto poco rassicurante va asportato allo scopo di comprenderne, attraverso l'esame istologico, la natura. Non è però necessario procedere tempestivamente, ma è possibile attendere fino a sei mesi (non di più!) per farne ricontrollare l'evoluzione.   »

Bimbo che rifiuta pranzi e cene (ma come dargli torto?)

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Se a un bambino vengono sistematicamente proposti primi e pietanze poco allettanti, costituiti da un insieme di alimenti che, mescolati insieme, perdono sapore si deve mettere in preventivo che a un certo punto si rifiuti di inghiottirli.   »

Piccolissimo che piange perché vuole stare in braccio

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Non stupisce affatto che un bimbo di neppure due mesi smetta di piangere solo quando viene preso in braccio dalla madre. Spetta a quest'ultima trasmettergli l'affettuoso, rassicurante messaggio di esserci per lui sempre e comunque, anche quando è nella culla.   »

Fai la tua domanda agli specialisti