Togli la corona al virus: la filastrocca di un maestro

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 16/03/2020 Aggiornato il 16/03/2020

Una piccola filastrocca che può essere d'aiuto per spiegare meglio ai bambini l'emergenza coronavirus.

Una domanda di: Paola
Ho sentito parlare di una poesiola che può essere d’aiuto per spiegare ai bambini il coronavirus e la necessità di stare chiusi in casa. Potete aiutarmi a trovarla? Grazie!

Gentile signora Paola, crediamo le stia cercando la filastrocca che segue. L’ha scritta un maestro che si chiama Mario Lisanti e si intitola “Togli la corona al virus”.

Un virus si è messo in testa la corona,
vuol comandare ogni persona,
pensa di fare il re e pace più non c’è.
Sudditi i nostri pensieri, niente più è come ieri,
chiusi in zone gialle e rosse per evitare febbre e tosse,
ma possiamo vincere la battaglia e respirare bene in tutta Italia,
superare ogni timore dando ascolto al dottore.
Baci e abbracci a distanza, ma sorrisi in abbondanza
senza stringersi la mano cacceremo il brutto sovrano,
per una zona rossa d’amore dove ritorni il buon umore,
anche per insegnanti ora “a distanza” che dei bambini han tanta mancanza.

BimbiSani&belli cercherà la risposta che desideri, consultando fonti autorevoli e attendibili.
Il servizio è riservato ai maggiorenni.


Chiedilo a BimbiSani&Belli

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Coronavirus: è pericoloso per la fertilità maschile?

30/03/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Mario Mancini

Non c'è alcuna evidenza scientifica a supporto dell'ipotesi che il SARS-CoV-2 causi infertilità nell'uomo: si tratta dunque di una bufala.   »

Va bene questo valore delle beta?

30/03/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In sesta settimana, un valore dell'ormone beta-hCG superiore a 10.000 esprime che la gravidanza è in evoluzione, quindi è un ottimo segno.   »

Bimba di tre anni che fa sempre le stesse domande

26/03/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dott. Leonardo Zoccante

E' normale che un bambino di tre anni chieda e richieda spesso le stesse cose: le risposte che ottiene (e che ci devono sempre essere) gli servono per consolidare le sue conoscenze.   »

Fai la tua domanda agli specialisti