Come attaccare il neonato al seno per l’allattamento

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 11/02/2015 Aggiornato il 25/08/2018

Ecco come attaccare correttamente il neonato al seno per l'allattamento e la suzione ideale. La guida illustrata di BimbiSani e Belli in 4 semplici passaggi.

Come attaccare il neonato al seno per l’allattamento

Ecco come deve essere la suzione fase per fase.

allattamento seno

 

1 Per aiutare il piccolo ad attaccarsi al seno, la mamma può sfiorare il capezzolo sulle sue labbra e il bebè sarà invogliato ad attaccarsi.

bimbo latte capezzolo

 

2 A questo punto la mamma deve controllare che il piccolo “fissi” il capezzolo con le labbra e lo “risucchi” all’interno della sua bocca.

neonato succhia latte tetta

 

3 Se il bebè è ben attaccato, afferra buona parte dell’areola, le labbra sono rovesciate in modo che l’areola sia ricoperta dalla bocca del bimbo.

allattamento neonato

 

4 Se invece il piccolo prende con la bocca solo il capezzolo anziché l’intera areola, la suzione non è corretta ed è anche dolorosa per la mamma.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Bimbo ostile allo svezzamento

Quando un bambino rifiuta con ostinazione le prime pappe e qualsiasi altro alimento diverso dal latte, occorre giocare d'astuzia (armandosi di infinta pazienza).   »

Bimba che di notte si sveglia spesso

I disturbi del sonno possono essere ben controllati con la pratica del co-sleepeeng, che consiste nel far dormire il bambino "accanto ai genitori", ma non nello stesso letto.   »

In che settimana di gravidanza si vede l’embrione con l’ecografia?

In genere l'ecografia permette di vedere il bambino (e il suo cuoricino che batte) a partire dalla sesta settimana di gravidanza.   »

Si ammala spesso: è normale che accada?

Febbre, tosse, raffreddore frequenti sono lo scotto che i bambini pagano alla socializzazione. Non sono preoccupanti: alla fine, nonostante questo, crescono tutti forti e sani. L'unica condizione che deve preoccupare davvero perché espone a pericoli è l'obesità: il resto passa senza conseguenze.   »

Fai la tua domanda agli specialisti