Come medicare il cordone ombelicale del neonato

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 04/09/2015 Aggiornato il 04/09/2015

La medicazione del cordone ombelicale, uno dei momenti più importanti della giornata di una mamma, si effettua 3 volte al giorno. Ecco come fare in pochi semplici step.

Disinfettare garza sterile per cordone ombelicale

Come procedere, passo dopo passo

Disinfettare garza sterile

 

Preparare una garza sterile con un disinfettante consigliato dal pediatra, con le mani ben pulite.

tamponare base cordone

Tamponare la base del cordone senza schiacciare troppo. 

avvolgere moncone base garza

Prendere una nuova garza sterile e avvolgere il moncone alla base, facendo alcuni giri.

fissare retina elastica tubolare

 

Fissare poi con una retina elastica tubolare (in vendita in farmacia e nei supermercati) la fascia arrotolata facendola  passare dalle gambe del piccolo. Cambiare il pannolino, facendo attenzione che non stringa troppo sulla garza.

DOMANDE E RISPOSTE SULLA MEDICAZIONE DEL CORDONE OMBELICALE E CADUTA DEL MONCONE 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Bimbo ostile allo svezzamento

Quando un bambino rifiuta con ostinazione le prime pappe e qualsiasi altro alimento diverso dal latte, occorre giocare d'astuzia (armandosi di infinta pazienza).   »

Bimba che di notte si sveglia spesso

I disturbi del sonno possono essere ben controllati con la pratica del co-sleepeeng, che consiste nel far dormire il bambino "accanto ai genitori", ma non nello stesso letto.   »

In che settimana di gravidanza si vede l’embrione con l’ecografia?

In genere l'ecografia permette di vedere il bambino (e il suo cuoricino che batte) a partire dalla sesta settimana di gravidanza.   »

Si ammala spesso: è normale che accada?

Febbre, tosse, raffreddore frequenti sono lo scotto che i bambini pagano alla socializzazione. Non sono preoccupanti: alla fine, nonostante questo, crescono tutti forti e sani. L'unica condizione che deve preoccupare davvero perché espone a pericoli è l'obesità: il resto passa senza conseguenze.   »

Fai la tua domanda agli specialisti