Istmocele: si può affrontare una terza gravidanza?

Dottoressa Elisa Valmori A cura di Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il 18/06/2024 Aggiornato il 19/06/2024

In presenza di un istmocele (importante alterazione della parete uterina interna) un'eventuale terza gravidanza (e relativo terzo cesareo) esporrebbe a vari rischi che vanno presi in considerazione prima di decidere se affrontarla o no.

Una domanda di: Deborah
Io e mio marito vorremmo tanto una terza gravidanza. Entrambi i miei parti sono stati cesarei (il primo d’urgenza, il secondo
programmato), il primo parto mi ha lasciato un istmocele che ho deciso di correggere prima di affrontare la mia seconda gravidanza. Con l’idea di
volere un terzo figlio sono andata alla visita della mia ginecologa e mi è stato detto che il mio utero presenta un miometrio residuo di 1,6 mm e l’istmocele
che avevo operato è ancora lì (4 mm!). Mi ha caldamente sconsigliato di avere altre gravidanze: anche secondo lei dovrei abbandonare il mio sogno o
dovrei chiedere altri pareri? Grazie.
Elisa Valmori
Elisa Valmori

Salve cara signora,
sento una grande responsabilità nel risponderle e ho atteso del tempo anche per meditare meglio le parole giuste.
Lei al momento ha una situazione che certamente controindica una gravidanza (1,6 millimetri di miometrio residuo è un velo sottilissimo!!) e credo che come minimo sarebbe indicata nuovamente una isteroscopia per tentare di correggere l’istmocele che si è purtroppo riformato.
Trascorsi alcuni mesi dalla correzione dell’istmocele, sarebbe utile sottoporsi nuovamente all’ecografia e valutare lo spessore del tessuto uterino in corrispondenza della cicatrice del cesareo.
Non credo esista un livello soglia per cercare o meno una nuova gravidanza.
Certo è che con un tessuto molto sottile, per lei sarebbe indicata la maternità a rischio e ci vorrebbe qualcuno che le potesse dare una mano sia con i figli che con i vari mestieri di casa (lei si dovrà accontentare del rammendo, per intenderci!).
Infine, mi sembra doveroso informarla che anche con tutte queste precauzioni, potrebbe accaderle di perdere l’utero in occasione del suo terzo cesareo (o per controllare un’emorragia oppure per colpa di una placenta che è andata a intrufolarsi proprio nel tessuto cicatriziale e che quindi non può essere rimossa senza togliere l’utero stesso)
Credo che solo tenendo conto di tutti questi fattori lei possa essere in grado di fare una scelta consapevole insieme a suo marito.
Se decideste di rinunciare, mi permetto di avanzare l’ipotesi dell’affido o dell’adozione di un terzo figlio segnalandole questa associazione di cui fanno parte alcune famiglie amiche:

Home


Come si suol dire “da cosa nasce cosa…”
Spero di averle risposto al meglio, rimango a sua disposizione se desidera, cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimba che dopo l’addio al pannolino si rifiuta di fare la cacca: che fare?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Un piccolo rituale da osservare all'occorrenza, qualche accorgimento per rendere il momento confortevole, uniti a tanta pazienza e a un atteggiamento sereno a poco a poco riescono a indurre il bambino a utilizzare il vasino e, più avanti, la tazza del wc.  »

Dopo un aborto spontaneo quanto tempo ci vuole per cominciare un’altra gravidanza?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Augusto Enrico Semprini

Se un primo concepimento è avvenuto in pochi mesi, ci sono altissime probabilità (addirittura il 100%!) di avviare una nuova gravidanza entro sei mesi dall'aborto spontaneo.   »

Non mangiare frutta e verdura durante la gravidanza può essere pericoloso?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se si teme una carenza di vitamina C perché con l'inizio della gravidanza è nata un'avversione verso la frutta e la verdura, si può correre ai ripari assumendo quotidianamente, per esempio, spremute di agrumi o kiwi, che ne sono ricchissimi.   »

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti