Gravidanza affrontata con ansia e paure

Dottor Gaetano Perrini A cura di Dottor Gaetano Perrini Pubblicato il 16/11/2020 Aggiornato il 16/11/2020

Il desiderio di maternità può aprire la strada alla paura di non realizzarlo, amplificando la portata di disturbi di fatto non significativi.

Una domanda di: Miriam
Salve, sono alla prima gravidanza. Ho 25 anni. La gravidanza non è partita come mi aspettavo, durante le prime settimane sono stata ricoverata per una sospetta extrauterina poi per fortuna scongiurata. Alla 13sima settimana ho avuto una minaccia d’aborto con perdite di sangue e da allora sono a riposo totale (questa è la terza settimana ) e ho terapia medica di difesan e progesterone in quanto all’ultima visita il mio ginecologo ha riscontrato che il bambino “stava stretto nell’utero”. Non sono per niente tranquilla, ogni tanto da distesa ho un rigonfiamento sopra la vagina sulla parte destra (secondo il dottore è un ernia ), ho delle perdite marroncine che vanno e vengono, e anche perdite trasparenti per questo uso dei salva-slip dato che mi sento sempre bagnata. Vorrei stare più tranquilla ma non ci riesco e così non la vivo bene.
Dottor Gaetano Perrini
Dottor Gaetano Perrini

Gentile Miriam,
il carico emotivo e di attesa che porta con se il desiderio di maternità talvolta amplifica anche piccoli disturbi e segni della gravidanza.
Il dubbio iniziale di una gravidanza extrauterina talvolta è conseguenza proprio della fretta di avere conferma di essere incinta. Fretta che nasce dal fatto che il test di gravidanza positivo dà vita al bambino ideale (quello che tutti immaginano quando pensano alla possibilità di diventare genitori), che suggerisce di voler vedere subito un’immagine ecografica, attraverso cui renderlo un bambino (quasi) reale.
Per quanto riguarda invece le perdite, possono essere espressione di piccole lacerazioni di vasi della mucosa della cervice uterina oppure conseguenza di piccole fuoriuscite di sangue retroplacentare, eventualità frequente dopo un piccolo distacco come in una minaccia di aborto ,
L’osservazione ecografica nel tempo nella stragrande maggioranza dei casi dimostra che la natura riesce a riparare tutto senza conseguenze.
Durante la valutazione ecografica è anche possibile che il muscolo uterino (che contiene la gravidanza? possa essere più o meno contratto e che questo determini una immagine che fa sembrare l’embrione un po’ schiacciato.
Cerchi di vedere le cose con maggiore tranquillità, per vivere bene questa straordinaria esperienza che sta affrontando. In ogni caso, per avere conferma del buon proseguimento della gravidanza consulti il suo ginecologo di fiducia. Tanti cari saluti (mi tenga aggiornato, se crede).

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Perché il bimbo in utero non si vede ancora?

23/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se l'ovulazione avviene più tardi rispetto all'ipotesi può accadere che l'embrione non sia visibile ecograficamente nell'epoca della gravidanza in cui generalmente lo è già.   »

SOS crisi di pianto inconsolabile

23/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Una volta appurato che il lattante piange per via delle "coliche dei tre mesi", non resta che attendere pazientemente che le crisi a poco a poco diminuiscano fino a sparire. Nella ceretzza che le sue urla disperate sono espressione di forza e di salute.   »

Peso: quale aumento a quattro mesi di vita?

19/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

L'aumento di peso ha un andamento influenzato da alcune variabili, tuttavia intorno al quinto mese di vita dovrebbe essere doppio rispetto a quello presentato alla nascita.   »

Fai la tua domanda agli specialisti