Bagnetto: quando per un piccolissimo?

Dottor Leo Venturelli A cura di Dottor Leo Venturelli Pubblicato il 25/07/2018 Aggiornato il 31/07/2018

Un neonato può fare il bagnetto in qualunque momento della giornata, tuttavia è meglio attenersi a una regola: non subito prima né subito dopo la poppata.

Una domanda di: Annalisa
Vorrei che qualcuno di voi specialisti mi levasse un dubbio..
Ho un bimbo di 8 giorni e vorrei sapere quali sono i tempi giusti per far lui il bagnetto..
Alcuni mi dicono che non è necessario attendere le 3 ore dopo la poppata,altri mi dicono che si puó far anche subito dopo avergli dato il seno..
Chi di voi mi puó dare le direttive giuste? Grazie mille.
Leo Venturelli
Leo Venturelli

Cara mamma, il bagno in acqua a temperatura sui 37-38 gradi può essere fatto quando si vuole, prima o dopo mangiato, però in genere in un neonato il bagnetto ha significato la sera, lontano dal pasto: prima potrebbe piangere (e arrabbiarsi moltissimo) perché è affamato, subito dopo è in genere impegnato in ruttini e popò, meglio aspettare una oretta dopo il pasto, a bambino tranquillo, ma sveglio. Così il contatto con l’acqua risulterà piacevole e rilassante per il suo piccino e il momento del bagnetto – che rappresenta un aspetto significativo del “prendersi cura del proprio bambino” – divertente e gratificante per lei. Tanti cari auguri.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

L’amore per la mamma è “automatico”?

01/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'amore che un piccolissimo prova per la madre è legato al fatto che è la madre a prendersi principalmente cura di lui.  »

Sull’intervallo tra due vaccini vivi attenuati

22/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

La somministrazione di due vaccini vivi attenuati a una distanza inferiore alle 4 settimane può compromettere l'efficacia del secondo vaccino.  »

Iperattivita e prodotti omeopatici

16/02/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'iperattività (se di iperattività si tratta davvero) è segno di una malattia seria, non si può pensare di affrontarla con il fai-da-te.   »

Fai la tua domanda agli specialisti