A 14 mesi morde e lancia oggetti: che fare?

Dottoressa Angela Raimo A cura di Dottoressa Angela Raimo Pubblicato il 26/08/2018 Aggiornato il 26/08/2018

Per fare in modo che il bambino non assuma atteggiamenti aggressivi o violenti si deve agire con dolce fermezza.

Una domanda di: Claudia
Ho un bimbo di 14 mesi. Vorrei un consiglio perché è sempre molto nervoso, ci dà continuamente morsi e a volte ci lancia gli oggetti. Cosa possiamo fare?
Angela Raimo
Angela Raimo

Cara mamma,
è già il momento di insegnare al suo bambino cosa si può fare e cosa no, quindi nel momento in cui morde bisogna fermarlo con dolce fermezza dicendo: “non si fa! Così ci fai male!”. Se dovesse continuare a farlo, non bisogna stancarsi di ripetergli ogni volta l’ammonimento e senza pensare che continui a ripetere il gesto per disobbedienza. In realtà non si tratta di questo, ma solo del fatto che per l’apprendimento delle regole ci vuole un po’ di tempo. Per quanto riguarda il lancio degli oggetti, non so che dire: che oggetti lancia? I suoi giocattoli o altro, per esempio, il piatto della pappa o il bicchiere? In questo secondo caso gli si deve dire “no”, sempre senza spazientirsi se non recepisce subito il messaggio, se invece si tratta dei suoi giocattoli si può essere più lassi. Direi anche che conviene mettergli a disposizione una palla di gomma (o un palloncino gonfiato a fiato) affinché utilizzandoli impieghi nel modo più opportuno l’energia del lancio. In relazione al nervosismo, mi viene da chiedere com’è l’atmosfera in casa: c’è forse un po’ di tensione dovuta magari all’accumulo di stanchezza? O forse la televisione sta troppo accesa? Tenga presente che può causare irritabilità, in caso di esposizione prolungata. Mi chiedo anche se il bambino dorme abbastanza e, la sera, viene messo a letto non oltre le nove. A volte il nervosismo può infatti essere dovuto alla mancanza di un adeguato sonno notturno o dell’assenza del sonnellino pomeridiano. Ovviamente sono solo ipotesi, perché le informazioni in mio possesso sono davvero scarne. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Continue infezioni delle vie urinarie: che fare?

27/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui si vada incontro a numerose infezioni delle vie urinarie diventa necessario rivolgersi a uno specialista in urologia o uro-ginecologia per farsi indicare il percorso terapeutico più efficace e, quindi, risolutivo.   »

Tutti figli maschi: casualità o genetica?

24/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Paolo Gasparini

Ogni fecondazione costituisce una storia a sé e ogni volta si hanno le stesse probabilità di concepire un maschio o una bambina. È, dunque, sempre il caso a "tirare i dadi".  »

Concepimento: dopo due mesi non si è ancora verificato, c’è da preoccuparsi?

16/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Non fa bene alla fertilità di coppia farsi prendere dall'ansia del risultato immediatamente dopo aver deciso di avere un figlio. Non è, infatti, automatico che la gravidanza inizi quando viene decisa, ma questo non è affatto preoccupante.  »

Fai la tua domanda agli specialisti