A 33 settimane di gravidanza si è ancora in tempo per l’immuno-profilassi anti-D?

Dottoressa Elisa Valmori A cura di Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il 30/12/2022 Aggiornato il 10/01/2023

Nel terzo trimestre di gravidanza è ancora possibile effettuare il trattamento utile in caso di mamma RH negativo e padre RH positivo, che viene somministrato tramite iniezione.

Una domanda di: Stefania
Salve dottoressa, sono a 33 settimane + 4 giorni e il mio ginecologo non ha accennato nulla per quanto riguarda la siringa che si fa a 28 settimane per chi è 0 negativo. La mia è la terza gravidanza, di 6 totale con 3 aborti, alle prime due bimbe ho avuto la siringa sia alla 28ma settimana che dopo il parto, ora mi chiedevo si può ancora fare? O direttamente dopo il parto? Io purtroppo non mi sono ricordata in tempo perché presa un po’ da tante cose, oltre a flebo perché ho globuli rossi bassi e emoglobina a 10.5. Le mie prime bambine sono una A negativo l’altra B negativo. Grazie.
Elisa Valmori
Elisa Valmori

Certamente signora lei è ancora perfettamente in tempo per effettuare l’immunoprofilassi anti-D (quella che lei chiama “siringa”, immagino perché si effettua tramite iniezione). Dopo tutto mancano ancora 7 settimane al parto, un tempo sufficientemente lungo perché questa cura possa esplicare l’effetto protettivo nei suoi confronti. L’immunoprofilassi serve infatti ad evitare che i suoi globuli bianchi vedano eventuali globuli rossi circolanti del suo bimbo e che i primi sviluppino anticorpi contro il fattore Rh qualora il suo bimbo fosse portatore di un gruppo sanguigno positivo a differenza sua. Dato che mi ha scritto che entrambe le sue figlie precedenti sono risultate di gruppo negativo, mi viene da pensare che anche il suo compagno sia come voi tre di gruppo negativo (pazienza se lei di gruppo Zero e lui AB, dico bene? Se siete entrambi negativi a mio avviso l’immunoprofilassi non è indicata né prima né dopo il parto: se siete entrambi di gruppo negativo dovreste avere solo figli di gruppo Rh negativo). In conclusione, direi di verificare il gruppo sanguigno del suo compagno e se positivo, procedere ad organizzare l’immunoprofilassi (contattando l’ospedale in cui pensa di partorire le daranno tutte le indicazioni del caso) se invece anche il partner è di gruppo negativo, non occorre fare la puntura suddetta: vedrà che anche il nascituro sarà sempre di gruppo negativo. Per l’anemia direi di non avere timore e di seguire le cure che i miei colleghi le propongono: vedrà che un po’ di ferro le darà più energia per affrontare questa ultima fase della sua gravidanza, facendo fronte anche agli impegni della sua già numerosa famiglia. Spero di averle risposto, cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Contrazioni precoci: può accadere anche nella seconda gravidanza?

27/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Bisogna mettere in conto che l'accorciamento della cervice, determinato dalla comparsa, molto prima del tempo, di contrazioni uterine, è un'eventualità che può ripresentarsi a ogni successiva gravidanza.   »

Perché si parla di polipo “sospetto”?

17/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Attraverso l'ecografia si può solo "sospettare" la presenza di un polipo all'interno dell'utero, ma per avere la certezza occorre effettuare altre indagini.   »

Integrazione di vitamina D: fino a che età è consigliata?

16/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

La decisione di continuare a somministrare al bambino la vitamina D anche dopo l'anno di vita va presa con l'aiuto del pediatra curante, che ben conosce i propri piccoli pazienti grazie ai controlli periodici.   »

Fai la tua domanda agli specialisti