A 46 anni si può ancora avere un figlio?

Dottoressa Elisa Valmori A cura di Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il 08/04/2024 Aggiornato il 08/04/2024

Non è facile concepire ed eventualmente portare a termine una gravidanza dopo i 45 anni, anche per i rischi a cui potrebbero andare incontro sia la donna sia il nascituro, tuttavia la Natura a volte può concedere opportunità inaspettate e sorprendenti.

Una domanda di: Katia
lBuongiorno cara dottoressa, le confido di avere tanta voglia di avere un bimbo: ho 46 anni e dalla vista della mia ginecologa e anche dalle analisi effettuate risulto molto fertile…in quale periodo dovrei provare? E quante volte dovrei farlo? Mio marito è anche lui desideroso di avere un figlio a 51 anni, purtroppo ci siamo incontrati in età matura. Grazie di cuore.
Elisa Valmori
Elisa Valmori

Salve signora, da una parte ci possiamo rallegrare che alla sua età lei abbia le ovaie ancora perfettamente funzionanti, dall’altra non le posso nascondere che una prima gravidanza quando si è così mature comporta diversi rischi non solo per la sua salute (ad esempio diabete gestazionale, ipertensione, gestosi…) ma anche per quella del nascituro (mi riferisco in particolare alle malattie dei cromosomi, di cui la più nota è la sindrome di Down). Che dirle? Possiamo sintetizzare così a mio avviso: lei è in cerca di un miracolo e la cosa più incredibile in proposito, è che i miracoli possono accadere. Dato che mi domanda quando e quante volte provare a ricercare il concepimento, intuisco che ancora lei non conosca i metodi naturali di regolazione della fertilità e la invito ad impararli. Ad oggi sono riconosciuti come validi sia il metodo dell’ovulazione Billings che il metodo sintotermico nelle due varianti Camen o Roetzer. Si possono incontrare personalmente le insegnanti qualificate di questi metodi, per imparare le rispettive regole di utilizzo (l’insegnamento solitamente è gratuito): si tratta di alcuni incontri individuali (aperti alla coppia, naturalmente), con eventualmente la possibilità di effettuarli online. L’aspetto unico di questi metodi, sta nel loro essere “double face”: possono infatti essere utilizzati sia per evitare che per ricercare la gravidanza a seconda delle intenzioni della coppia, senza effetti collaterali di nessun tipo sul rapporto sessuale, anzi facilitando la complicità di coppia. In generale, i rapporti sessuali vanno affrontati nella fase fertile del mese, quindi a partire da alcuni giorni prima dell’ovulazione stessa e naturalmente il giorno dell’ovulazione. Ricordo infine di assumere acido folico (1 compressa al giorno da 400 microgrammi salvo diversa indicazione del Curante) a partire dalla ricerca della gravidanza e per tutto il primo trimestre della stessa. Se possibile, meglio assumerlo lontano da the e latticini. L’acido folico è di aiuto non solo a prevenire i difetti alla colonna vertebrale (ad esempio spina bifida) ma anche quelli cardiaci. Spero di esserle stata utile, rimango a disposizione, cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Piccolissima che non gradisce il cambio del latte

17/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Migliori

Il sapore e la consistenza di un nuovo tipo di latte possono non essere accettati subito di buon grado dal neonato ed è per questo che è consigliabile che il cambiamento avvenga con gradualità, iniziando con una sola poppata.   »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Distacco: si deve stare a riposo assoluto?

11/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Stare a letto non solo non serve a cambiare in meglio il destino di una gravidanza ma può addirittura rivelarsi dannoso in quanto favorisce la formazione di trombi e peggiora notevolmente il tono dell'umore.   »

Fai la tua domanda agli specialisti