A 5 settimane e 6 giorni non si vede l’embrione: tutto è perduto?

Dottoressa Elisa Valmori A cura di Dottoressa Elisa Valmori Pubblicato il 18/03/2024 Aggiornato il 18/03/2024

Non è così automatico che l'ecografia riesca a evidenziare l'embrione prima che si sia conclusa la quinta settimana, anche se la gravidanza sta procedendo. Proprio per tale ragione non è consigliabile iniziare a effettuare i controlli troppo presto: meglio lasciare tempo al tempo.

Una domanda di: Chiara
Ho scoperto di essere incinta, ho fatto due test i quali risultano positivi e beta alte. Prima ecografia a 5 settimane + 6 giorni: la camera gestazionale è risultata di 5*10 mm nel cui interno non sono evidenziabili echi embrionali. Si consiglia controllo tra 7/10 giorni con terapia con progeffik ..
Posso ancora sperare di vedere l’embrione nella prossima ecografia??

Elisa Valmori
Elisa Valmori

Salve signora, che dirle? La sua gravidanza è appena iniziata e siamo già in alto mare tra controlli medici di ogni tipo…posso solo immaginare la sua ansia vista la domanda finale “posso ancora sperare di vedere l’embrione nelle prossime ecografie?”. La mia risposta è assolutamente sì, anche perché mi ha riportato delle beta alte e perché le dimensioni della camera gestazionale sono compatibili con la quinta settimana, quando non sempre si riesce a visualizzare l’embrione con il battito (magari l’ovulazione e quindi il concepimento sono avvenuti più tardivamente rispetto al canonico 14° giorno e la sua gravidanza sarà quindi da ridatare in quanto iniziata dopo rispetto alla sua ultima mestruazione)
Non so se le avrei prescritto del progesterone come hanno fatto i colleghi, ma condivido l’indicazione ad effettuare un nuovo controllo ecografico a distanza di una settimana, in modo da poter finalmente visualizzare il “fagiolino” con il suo cuoricino che batte all’impazzata…glielo auguro di cuore!
Mi permetto di invitarla ad essere fiduciosa nel buon esito di questa gravidanza: cuor contento il Ciel lo aiuta!
Spero di averla rassicurata, resto a disposizione se desidera, cordialmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dopo 4 maschietti arriverà la bambina?

16/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

Non è assolutamente detto che dopo quattro figli maschi il quinto sarà una femminuccia perchè a ogni gravidanza si ripresentano le stesse probabilità di aver concepito un maschio o una bambina.   »

Placenta bassa in 16^ settimana: si può prendere l’aereo?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una sospetta inserzione bassa della placenta va confermata con l’ecografia transvaginale a partire dalla 20^ settimana, quindi circa un mese prima di questa data è prematuro diagnosticarla: proprio per questo un viaggio in aereo si può affrontare senza rischi.   »

Dopo tre cesarei si può partorire naturalmente?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Al travaglio di prova dopo un parto cesareo, noto con l'acronimo TOLAC dall'inglese trial of labour after cesarean, possono essere ammesse solo le mamme che abbiano già affrontato l'intervento solo una, massimo due volte.   »

Manovre effettuate durante l’ecografia: possono causare danno al feto?

04/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giovanni Battista Nardelli

Nessuna delle manovre manuali esterne effettuate dal medico per poter svolgere l'ecografia nel migliore dei modi può esporre il feto a rischi.   »

Bimbo di 4 anni con una tosse che non passa nonostante l’antibiotico

02/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

È un'eventualità frequente che i bambini della scuola materna passino più tempo a tossire che il contrario. Posto questo, l’antibiotico andrebbe usato quanto la tosse con catarro persiste per più di un mese senza tendenza alla remissione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti