A 9 mesi legumi sì o no?

Dottoressa Chiara Boscaro A cura di Dottoressa Chiara Boscaro Pubblicato il 03/08/2020 Aggiornato il 10/08/2020

I legumi possono essere introdotti nell'alimentazione del bambino a partire dal sesto mese di vita, a patto che siano decorticati.

Una domanda di: Monica
Volevo chiede se i bambini a 9 mesi possono mangiare legumi, se il loro pancino è pronto o può causare turbolenza. Un’altra domanda, non avendo ancora denti se si può dare più cibo solido e di che dimensioni (per non rischiare)… La mia bimba ha sempre avuto problemi di rigurgito stiamo facendo qualche seduta dalla osteopata si può aiutarla in qualche altro modo? Grazie mille buona giornata.
Chiara Boscaro
Chiara Boscaro

Gentile Signora Monica, i legumi possono essere una buona alternativa alla carne e al pesce, forniscono un buon apporto proteico e vanno sempre associati ad una fonte di carboidrati, perché questa associazione aumenta la qualità delle proteine. A partire dal 6° mese fino a 24 mesi è meglio dare ai bambini i legumi decorticati, cioè privati della pellicina esterna, che ostacola l’assorbimento dei nutrienti e comporta un eccessivo apporto di fibra. Tra questi, le lenticchie rosse decorticate o per esempio i ceci. E’ comunque opportuno frullarli o passarli, proporli sotto forma di purè, perché se offerti interi possono dare fastidio al pancino e comportare il rischio di soffocamento. A maggior ragione, a 9 mesi la consistenza dei cibi può essere semisolida, morbida, come lo può essere una crema di piselli con purè di patate. Per la difficoltà di masticazione e il pericolo di soffocamento deve porre attenzione alle dimensioni dei cibi, no a cibi troppo grandi o piccoli, attenzione alla forma tonda e cilindrica, alle consistenze dure o appiccicose. Le consiglio quindi di tagliare sempre bene i cibi e di cuocerli in modo da renderli morbidi e facili da deglutire. Il rigurgito invece è provocato dall’immaturità dell’apparato digerente del bambino, di solito è un problema temporaneo che si risolve entro l’anno di vita, se non comporta arresti della crescita e se il pediatra è d’accordo con la terapia dell’osteopata, non deve preoccuparsi. Non va infatti mai confusa la “malattia da reflusso” che appunto ostacola la crescita armonica con i rigurgiti che non provocano particolare fastidio al bambino e tendono a risolversi spontaneamente con il passare delle settimane. Cordiali saluti.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Un figlio con il diabete insulino-dipendente: si può?

21/06/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui si voglia affrontare una gravidanza dopo i 40 anni e con il diabete, è opportuno farsi seguire da un centro specializzato.  »

Bimba di 18 mesi che non vuole più il latte

16/06/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

A svezzamento completato, il latte non è più indispensabile: come ottima alternativa c'è lo yogurt.   »

Una gravidanza dopo aver smesso l'”anello”: quanto ci vuole?

13/06/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisabetta Canitano

La possibilità di rimanere incinta dopo aver smesso la contraccezione ormonale varia da donna a donna: generalizzare non si può.  »

Fai la tua domanda agli specialisti