A che ora deve passare Babbo Natale?

Dottoressa Luisa Vaselli A cura di Dottoressa Luisa Vaselli Pubblicato il 23/12/2022 Aggiornato il 24/12/2022

Non è granché rilevante fissare un'ora precisa per il passaggio di Babbo Natale: l'unico criterio a cui attenersi è quello del buon senso, che deve suggerire di non mettere il bambino a letto troppo tardi.

Una domanda di: Nidia
A che ora deve venire Babbo Natale da due bambine di due anni e mezzo?
Luisa Vaselli
Luisa Vaselli

Gentile signora, nella tradizione popolare Babbo Natale arriva di notte quando i bambini sono addormentati. Dopodiché è al mattino che, trovando i doni, scoprono il suo passaggio. Così di solito accade nelle famiglie dove i bambini credono a Babbo Natale. Non saprei dirle di preciso a che ora passi, ogni famiglia ha la propria  “ora x” ma non credo rappresenti un dato importante né che ci sia bisogno di consultare uno psicologo per avere un’indicazione del genere. Forse lei vuole che le bambine lo aspettino alzate, perché magari sarà il nonno a entrare in casa travestito? Se così fosse è ovvio che non sarebbe molto saggio che due bambine di due anni facessero le ore piccole. Se è vero, infatti, che se una volta all’anno l’orario della nanna può essere modificato lo è altrettanto che va spostato seguendo il buon senso. Fermo resta che se un giorno le bambine dovessero chiederle se Babbo Natale esiste dovrà dire la verità. Ma per questo c’è ancora tempo, probabilmente.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimba di sette mesi con piccolissime cisti dei plessi corioidei

02/02/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

In generale la sola presenza di cisti dei plessi corioidei, anche se richiede controlli non desta preoccupazione. Diverso è il caso in cui, in prossimità dei plessi corioidei, si sviluppano le cosiddette cisti aracnoidee.  »

Un solo neo, tre pareri specialistici diversi: a chi credere?

31/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Ogni specialista ha le sue precise ragioni quando indica il da farsi rispetto a un neo, in particolare quando i singoli pareri vengono espressi a distanza uno dall'altro.   »

Dodicenne con tosse abbaiante, incessante, resistente alle cure

30/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Una volta escluse le cause organiche, occorre pensare che la comparsa di una tosse che non risponde ad alcuna cura e non dà tregua durante la giornata sia in relazione con un disagio emotivo che può avere come origine un problema legato alla scuola (e ai compagni).   »

Fai la tua domanda agli specialisti