A otto settimane non si vede l’embrione: serve il dosaggio delle beta-hCG?

A cura di Augusto Enrico Semprini Pubblicato il 19/06/2023 Aggiornato il 19/06/2023

Se a 8 settimane di gravidanza l'ecografo non individua l'embrione e il battito del cuoricino bisogna pensare che la gravidanza non sia evolutiva: i dosaggi delle beta a quetso punto non servono più meglio ripetere il controllo ecografico.

Una domanda di: Cristina
Salve, ho 28 anni e sono alla prima gravidanza. L’ultima mestruazione l’ho avuta il 13 di aprile 2023 e ovviamente il 13 di maggio mi sono saltate. Il 23 maggio ho fatto il primo test di gravidanza Clear Blue ed è risultato incinta 1-2. Il 29 di maggio ho avuto la prima ecografia dalla ginecologa e mi si è presentata una camera gestazionale con diametro 0.40cm vuota. La ginecologa mi ha riprenotato una visita l’8 giugno per dare tempo al tempo e l’otto giugno ho rifatto l’ecografia da cui è risultata la camera gestazionale ingrandita, raddoppiata dall’ultima volta ovvero 0.82 cm ma sempre vuota. Oggi ho fatto le prima beta hcg e il valore è di 8057.7 e il medico mi ha consigliata di ripeterle lunedì mattina per vedere se raddoppiano. Sono confusa, non so se sta andando bene o se si tratta di un ovulo cieco. Preciso che negli ultimi anni ho avuto un ciclo abbastanza irregolare, con ritardi a volte anche di una settimana/due.
Augusto Enrico Semprini
Augusto Enrico Semprini

Cara Cristina, dopo che si è visualizzata la camera gestazionale in utero lo strumento ecografico dà informazioni più affidabili sull’evoluzione della gravidanza di quanto possa fare il dosaggio ripetuto delle beta-hCG. Dopo 8 settimane di amenorrea (assenza delle mestruazioni), ovvero quando secondo il calendario ostetrico si è nell’ottava settimana di gravidanza (come lei era l’8 giugno),   se non è possibile visualizzare l’embrione con attività cardiaca purtroppo la diagnosi è quella di una gravidanza con esito abortivo. ovviamente spetta al suo ginecologo darle la conferma e valutare con lei la situazione. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Tosse violenta che non passa in una bimba di 4 anni: qual è la causa?

02/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Anche se di rado, una tosse secca, insistente, che nulla calma può essere dovuta al tappo di cerume: per escludere questa possibilità basta che il pediatra ispezioni accuratamente i condotti uditivi del bambino.  »

Collo dell’utero raccorciato in 25^ settimana: è possibile che torni a posto?

01/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In effetti la cervice può recuperare qualche millimetro, in assenza di contrazioni uterine, quindi non è detto che una minaccia di parto prematuro comporti con certezza la nascita del bambino molte settimane prima rispetto alla data prevista.  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti