A quasi cinque mesi, se messo in piedi, non punta … i piedi

Dottor Leo Venturelli A cura di Dottor Leo Venturelli Pubblicato il 27/09/2019 Aggiornato il 27/09/2019

Puntare i piedi non è un indicatore significativo di corretto sviluppo neuro-motorio, se il bambino ha solo cinque mesi.

Una domanda di: Irene
Mio figlio ha quasi 5 mesi – li compie il 6 ottobre: è normale che a questa età non cerchi di puntare le gambine quando cerco di tenerlo su in piedi?

Leo Venturelli
Leo Venturelli

Gentile signora,
che non punti i piedi importa molto poco in relazione allo sviluppo motorio.
Controlli invece se un po’ tutti gli altri aspetti neuro-motori siano o no presenti: regge bene la testa? sorride? fa gorgheggi? muove in modo attivo gambine e braccia? porta alla bocca un giocattolo? tende le mani per essere preso in braccio? comincia a stare seduto senza sostegno per qualche minuto? Un’azione importante molto più del puntare i piedi è il rotolamento: riesce, se incoraggiato, a passare dalla posizione supina a quella a pacia in giù e viceversa? si gira su un fianco? Questi sono i movimenti da incentivare, molto più che il puntare i piedi. In ogni caso, se ha dubbi sullo sviluppo psicomotorio del suo piccolo, ne parli con il pediatra curante che avendo modo di controllare il bambino avrà anche modo di fare una valutazione precisa dela situazione. Con cordialità.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Voglio un figlio (a 44 anni) ma ho paura che non sia sano: che fare?

27/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La scelta di avere un figlio in età avanzata è personalissima: nessuno specialista può dare consigli al riguardo, solo indicare i rischi a cui si potrebbe andare incontro, in modo da permettere di decidere con consapevolezza.  »

Quarto cesareo a 30 anni: sono proprio tanti i rischi?

26/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Un quarto cesareo espone la donna a vari rischi che è bene valutare attentamente anche con l'aiuto del ginecologo curante.  »

Paura di aver contratto la toxoplasmosi

28/06/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Per sapere se malauguratamente si è state contagiate dal Toxoplasma gondii si può fare il toxo test, a partire da 20 giorni dopo l'ingestione dell'alimento che si teme fosse contaminato.   »

Fai la tua domanda agli specialisti