A riposo assoluto da un mese per via di uno “scollamento”

Dottoressa Elsa Viora A cura di Dottoressa Elsa Viora Pubblicato il 08/08/2022 Aggiornato il 15/08/2022

Il riposo assoluto in gravidanza è inutile e potrebbe essere dannoso, anche in caso di scollamento amnio-coriale. Molto meglio condurre una vita normale, evitando ovviamente gli strapazzi.

Una domanda di: Michela
Alle 12 +6 settimana, in seguito a perdite ematiche e coaguli mi sono recata in Ps e mi è stato riscontrato uno scollamento del polo inferiore di 31×9×43. Alla visita di controllo effettuata a 13 settimane +5 il distacco era di 39×13×6. Premetto che il distacco è ormai presente dalla sesta settimana e non si è mai riassorbito del tutto ma ogni mese si presentano questi episodi di perdite. Le mie domande sono le seguenti: 1. Come interpretare le misure? Lunghezza per spessore? 2. Qualora non dovesse mai riassorbirsi può causare problemi al bambino? Se può essere utile la placenta, da referto, è prevalentemente anteriore. Io sto seguendo un riposo assoluto dal 17 giugno e prendo ovulo di progesterone oltre a DAV HA ma la situazione sembra non migliorare mai. Grazie e buon lavoro.
Elsa Viora
Elsa Viora

Gentile Michela, intanto in linea generale, è fondamentale che lei sappia che ciò che succede nei primi mesi di gravidanza non è condizionato da ciò che la futura mamma fa o non fa, quindi cerchi di stare il più possibile serena e fare una vita normale, senza stancarsi troppo. Cioè il riposo assoluto non serve. Ha avuto perdite ematiche? Ne sta ancora avendo? Se ha perdite ematiche rosso vivo deve farsi vedere dal suo ginecologo oppure in Pronto soccorso perché a questa epoca di gravidanza l’unico modo per capire come evolve la gravidanza è fare l’ecografia. Le consiglio di parlarne con il medico/ostetrica di fiducia e soprattutto di non focalizzarsi sulle misure, ci interessano solo due dati: perdite ematiche vaginali e contrazioni dell’utero. Gli “scollamenti” rilevati con l’ecografia nel primo trimestre in donne asintomatiche, senza perdite ematiche ematiche, non hanno un significato clinico, cioè non indicano un rischio maggiore di aborto. Inoltre il riposo assoluto per lungo tempo è dannoso al nostro corpo, anche (ed a maggior ragione) in gravidanza. Il termine “scollamento amnio-coriale” indica che l’amnios (pellicola che riveste il sacco amniotico) non è perfettamente aderente alla parete dell’utero ed è tutt’altra cosa rispetto al “distacco della placenta” che indica una non aderenza della placenta alla parete dell’utero, che è un evento drammatico, imprevedibile, molto raro che si può manifestare nel II-III trimestre con perdite ematiche e dolori molto forti. Cerchi di stare serena e le auguro di cuore che la sua gravidanza proceda.

Il parere dei nostri specialisti ha uno scopo puramente informativo e non può in nessun caso sostituirsi alla visita specialistica o al rapporto diretto con il medico curante. I nostri specialisti mettono a disposizione le loro conoscenze scientifiche a titolo gratuito, per contribuire alla diffusione di notizie mediche corrette e aggiornate.

Se non trovi la risposta al tuo quesito, fai la tua domanda ai nostri specialisti. Ti risponderemo prima possibile. Fai una domanda all’esperto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimbo che rifiuta la mamma

03/10/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Non basta aver messo al mondo un bambino per diventare la figura di riferimento che predilige. Se sono altre persone a prendersene cura, non stupisce che le preferisca alla mamma.   »

Perdite di sangue nel primo trimestre: cosa può essere?

27/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una volta escluso, grazie all'ecografia, che il sanguinamento sia dovuto a un distacco o ad altre complicazioni, occorre capire se la causa potrebbe essere un'infezione.   »

Gravidanza: quando conviene annunciarla a parenti e amici?

26/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Non c'è una regola che stabilisce quando è opportuno comunicare a tutti che si è in attesa di un bambino. Il momento in cui farlo dipende da una scelta personalissima che ogni coppia deve fare in base al proprio sentire.  »

Fai la tua domanda agli specialisti